Tanzania: dalla EU 115 M di Euro per finanziare sei nuovi progetti

Tanzania: dalla EU 115 M di Euro per finanziare sei nuovi progetti

L’Unione Europea ha firmato un patto con il governo della Tanzania per finanziare la realizzazione di sei progetti che dovrebbero contribuire a creare un quadro favorevole allo sviluppo economico e migliorare gli standard di qualità della vita.

Il governo riceverà la somma di 111,5 milioni di euro (307,9 miliardi di Sh) in sovvenzioni per i progetti da attuare sia in Tanzania continentale che a Zanzibar, secondo i rapporti pubblicati dopo la firma dell’accordo.
Le due parti hanno firmato un memorandum d’intesa (MouU) per la concessione e l’UE ha erogato 23 milioni (63,5 miliardi di Sh) come primo lotto di denaro.

La firma è stata fatta dal segretario permanente del Ministero delle Finanze Dotto James a nome del governo e dall’ambasciatore dell’UE in Tanzania Manfredo Fanti a nome della delegazione dell’UE.

James ha detto che i fondi erano un sostegno incondizionato e che sono stati forniti a causa delle buone relazioni bilaterali esistenti.

Ha detto che la Tanzania ha ricevuto finora circa 2.394 miliardi di euro (Sh6.6 trilioni) dall’UE come sovvenzioni e 270.9 milioni di euro (Sh748.2 miliardi) come prestiti agevolati dalla Banca europea per gli investimenti (BEI), dal 1975 quando l’UE ha firmato il primo accordo di partenariato con gli Stati africani e caraibici.

Ha detto che i fondi sono stati un catalizzatore per lo sviluppo economico, diversi miglioramenti delle politiche, infrastrutture stradali, strutture per l’aviazione, l’energia, l’agricoltura e l’ambiente e il cambiamento climatico.
Ha anche menzionato i progetti che saranno implementati e la somma di denaro tra parentesi quali il miglioramento del settore energetico (96,7 miliardi), l’approccio integrato al programma di soluzioni sostenibili per il combustibile domestico (82 miliardi), il programma per la catena del valore dell’apicoltura (27,6 miliardi), il rafforzamento dei servizi fitosanitari per una maggiore sicurezza alimentare (27,6 miliardi), il contesto imprenditoriale, la crescita e l’innovazione (63,5 miliardi), e la struttura di cooperazione tecnica-fase due (9,7 miliardi).

A suo avviso, gli aiuti sono stati destinati ad affrontare le esigenze e le sfide identificate nei piani di sviluppo nazionali, compreso il secondo piano di sviluppo quinquennale 2016/17 – 2020/2021. “L’UE è uno dei nostri partner strategici chiave in termini di sostegno agli sforzi del governo per raggiungere lo sviluppo sostenibile. Questo è comprovato dai considerevoli sostegni finanziari che l’UE ha concesso alla Tanzania”, ha detto.

L’ambasciatore Fanti ha detto che il suo ufficio assicurerà che la Tanzania trovi un mercato per i suoi prodotti negli stati dell’UE, sottolineando che il paese dovrebbe puntare a produrre beni per gli standard internazionali.
Ha detto che le relazioni della Tanzania con l’UE continueranno ad essere mantenute per quanto possibile e ha chiesto che la cooperazione sia estesa anche in altri settori. “I nuovi accordi che abbiamo firmato oggi affronteranno le sfide in vari settori. Stimoleranno l’adattamento inclusivo al cambiamento climatico e le mitigazioni”, ha detto.

L’evento è stato presenziato anche dal segretario permanente del Ministero dell’Industria e del Commercio, Prof Riziki Shemdoe, che ha detto che i fondi miglioreranno il contesto imprenditoriale, concentrandosi principalmente sui settori delle tasse e delle licenze commerciali.
Egli ha affermato che ci sono state molte rimostranze da parte dei commercianti riguardo ai prelievi e alle tasse con rivendicazioni che non siano favorevoli.

“Il governo ha migliorato il contesto per le imprese e continuiamo a ridurre i problemi per la nostra gente. Quindi, questo denaro aiuterà significativamente a raggiungere questi obiettivi”, ha detto.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Uganda, Tanzania allo studio nuovo oleodotto

Uganda e Tanzania hanno firmato un accordo per esplorare la possibilità di costruire un oleodotto tra i due paesi. Il presidente ugandese aveva indicato in agosto che un percorso attraverso

Economia

Nigeria: il governo prevede di mettere in regime di concessione quattro aeroporti

La Nigeria ha lanciato un piano nel 2005 per mettere in concessione le sue infrastrutture di trasporto. Il piano, che mira a raccogliere più entrate di bilancio e a modernizzare

Africa Occidentale

Senegal, Il governo acquisisce il 25% dell'”autostrada del futuro”

L’autostrada del futuro, consegnata nel 2013 nella sua prima fase, ha ridotto significativamente il tempo di viaggio tra il centro di Dakar e l’aeroporto internazionale Blaise Diagne. Ma al di