Nigeria: Andritz ottiene la riabilitazione della centrale idroelettrica di Jebba

Nigeria: Andritz ottiene la riabilitazione della centrale idroelettrica di Jebba

In considerazione della portata del deficit di disponibilità di energia elettrica in Nigeria, sono previsti grandi investimenti sia nella generazione che nella distribuzione.

Nel frattempo, il paese sta prendendo provvedimenti per utilizzare al meglio le infrastrutture che già possiede.

In Nigeria, Andritz si è aggiudicata il contratto per riabilitare la sesta unità di generazione della diga idroelettrica di Jebba. L’azienda austriaca specializzata in attrezzature e sistemi di produzione industriale si è aggiudicata il contratto da Mainstream Energy Solutions, che è incaricata della gestione dell’impianto.

Con una potenza di 578,4 MW, la diga di Jebba è stata inaugurata nel 1985. Consiste di sei turbine con una capacità nominale di 96,4 MW ciascuna. Cinque di queste turbine sono attualmente in funzione. La sesta turbina non fornisce più energia da quando un incendio ha colpito la struttura nel 2009.

Il lavoro che sarà eseguito da Andritz comprende la fornitura e l’installazione di una nuova turbina, un generatore da 103 MVA, un trasformatore, un quadro elettrico e altre attrezzature necessarie per il funzionamento ottimale della turbina. Il produttore realizzerà anche un programma generale di riabilitazione dell’infrastruttura che dovrebbe permettere di continuare a fornire elettricità per altri 40 anni.

Il costo totale dei lavori dovrebbe essere di 30 milioni di euro. Dovrebbero essere completati al più tardi all’inizio del 2024. L’energia che l’impianto fornirà una volta completato sarà benvenuta in una Nigeria che sta lottando per produrre regolarmente i 5.000 MW che la sua rete di distribuzione è in grado di distribuire. Tuttavia, sarà ancora una frazione rispetto alle necessità del paese, dato che la domanda del paese è attualmente stimata a circa 50.000 MW.

In questo Paese popolato da oltre 196 milioni di abitanti, secondo il rapporto 2018 della Banca Mondiale, appena il 56,5% della popolazione ha accesso all’elettricità. Il governo nigeriano mira a raggiungere una capacità installata di 30.000 MW entro il 2030.

Almeno il 30% di questa capacità sarà prodotta da fonti rinnovabili.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Nigeria

Nigeria: Il primo impiano NLG galleggiante

Le immense riserve di gas naturale della Nigeria rimangono sotto-sfruttate mentre la domanda continua a crescere. Le autorità che vogliono facilitare la loro monetizzazione, incoraggiano, oltre alle multinazionali, le aziende

Africa Orientale

Elettricità prepagata, una rivoluzione per il solare in Africa?

Una società sta cercando di portare la corrente elettrica a coloro che non sono connessi alla rete elettrica, ovvero le comunità rurali africane con un innovativo sistema prepagato a consumo,

Mozambico

La Tanzania finalizza l’accordo per il sito per l’impianto LNG

Il governo della  Tanzania ha dichiarato di aver finalizzato l’acquisto dei terreni per il sito del previsto impianto per gas naturale liquefatto (LNG)  e ora procederà a compensare e reinsediare gli abitanti dei villaggi, consentendo