Etiopia: GERD, il riempimento unilaterale di luglio minaccia la sicurezza del Sudan

Etiopia: GERD, il riempimento unilaterale di luglio minaccia la sicurezza del Sudan

Dopo una prima fase di riempimento della diga nel luglio 2020 senza ottenere un accordo, l’Etiopia si prepara con ogni probabilità a continuare il processo il prossimo luglio, quando si verificherà la prossima inondazione. Una possibilità che preoccupa il Sudan.

Qualsiasi mossa unilaterale dell’Etiopia per riempire la Grande Diga del Rinascimento a luglio potrebbe minacciare direttamente la sicurezza nazionale del Sudan. Questo è ciò che il ministro sudanese dell’irrigazione e delle risorse idriche Yasser Abbas ha detto alla Reuters.

La costruzione di questa diga da 6.450 MW è fonte di tensione tra i due paesi, ma anche con l’Egitto, che dipende dal fiume per il suo approvvigionamento idrico e si trova a valle della diga.

Dopo anni di tensioni regionali e negoziati senza successo, l’Etiopia ha iniziato unilateralmente a riempire le infrastrutture lo scorso luglio, durante la stagione delle piogge. Si prevede che riprenderà l’operazione durante la prossima stagione.

I negoziati si sono concentrati a lungo sul suo impatto sul corso del fiume, poi sulle sue specificità tecniche, e ora i negoziati riguardano il processo di riempimento e il funzionamento della centrale. Non hanno avuto più successo.

Secondo il ministro sudanese, un secondo riempimento a luglio metterebbe in pericolo le stazioni di acqua potabile del paese. “Il Sudan è attualmente impegnato in una campagna diplomatica e politica per chiarire la sua posizione e raggiungere una soluzione legale e vincolante. Siamo ottimisti che una soluzione sarà trovata se c’è la volontà politica”, ha detto Abbas. Il Sudan chiede la mediazione degli Stati Uniti, dell’Unione Europea, delle Nazioni Unite e dell’Unione Africana.

Tuttavia, dato che tutti questi soggetti sono più o meno già intervenuti nella situazione, è improbabile che ottengano un risultato. Inoltre, come ama sottolineare l’Etiopia, che ha posizionato le sue forze armate intorno alla diga e ne vieta il sorvolo, la realizzazione di questo progetto sul suo territorio e con i suoi propri finanziamenti è una questione di sovranità nazionale.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Zambia,Zimbabwe: iniziati i lavori per la diga idroelettrica di Batoka (2.400 MW).

Power China e General Electric hanno avviato i lavori preliminari per la diga idroelettrica di Batoka (2.400 MW) condivisa tra Zambia e Zimbabwe. L’installazione del serbatoio artificiale e dello sfioratore

Kenya

Kenia in fase avanzato il piano per il nucleare

Gli esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) hanno dichiarato ai giornalisti che il Kenya ha compiuto progressi significativi verso l’introduzione dell’energia atomica nel paese. Il Kenya ha preparato un rapporto

Africa Orientale

La Tanzania rilancia il progetto LNG da 30 miliardi di dollari

La neo-presidente della Tanzania Samia Suluhu Hassan è pronta a far rivivere il progetto di gas naturale liquefatto LNG a Lindi, in Tanzania, che è rimasto a lungo in sospeso.