Indetto il bando di gara per i lavori di costruzione della diga Ruzizi III

Indetto il bando di gara per i lavori di costruzione della diga Ruzizi III

La Repubblica democratica del Congo e il Ruanda stanno co-costruendo attraverso un partenariato pubblico-privato la diga Ruzizizi III (147 MW). L’impianto fornirà 30 milioni di persone in una regione in cui il tasso di elettrificazione è molto basso. Ruzizi Energy, che è alla guida del progetto, sta cercando aziende per realizzare il lavoro.

È stata indetta una gara d’appalto per l’ingegneria, l’approvvigionamento e la costruzione della centrale idroelettrica Ruzizizi III. Il bando di prequalificazione è stato lanciato da Ruzizi Energy, una società ad hoc creata per coordinare il progetto. I candidati interessati hanno tempo fino al 15 febbraio 2021 per esprimere la loro volontà di costruire la diga.

La centrale idroelettrica Ruzizizi III avrà una potenza di 147 MW, che potrà essere successivamente aumentata a 200 MW. Sarà situato sul fiume Ruzizizi che scorre tra il lago Kivu e il lago Tanganica. Il progetto prevede l’installazione di una linea di 3 km che porterà la produzione della centrale alla stazione di dispacciamento regionale di Kamanyola.

La sua produzione sarà condivisa tra la RDC e il Ruanda, due dei tre paesi attraversati dal fiume. L’infrastruttura è in fase di realizzazione nell’ambito di una partnership pubblico-privata firmata tra i due paesi e il consorzio formato da SN Power e Industrial Promotion Service.

Il progetto beneficia di un contributo finanziario di 400 milioni di euro mobilitati da diversi partner, tra cui la Banca africana di sviluppo, la Banca europea per gli investimenti, KfW e l’Agenzia francese per lo sviluppo.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Centrale

Cina, gli interessi economici portano a incrementare la presenza militare in Africa

Gli esperti dicono che Pechino dovrà superare la sua resistenza nell’avere basi militari all’estero, in quanto le sue forze militari sono destinate a tutelare i crescenti interessi economici della Cina

Economia

Rwanda: Il blocco all’import di abiti usati ha dato impulso all’industria tessile locale

Nel 2015, gli Stati partner della Comunità dell’Africa orientale (EAC) hanno concordato di aumentare le tariffe sui capi di seconda mano per contribuire alla crescita dell’industria tessile e dell’abbigliamento della

Africa Occidentale

Gian Paolo Calchi Novati, il ricordo di un grande studioso italiano di Africa

E’ morto, all’eta’ di 81 anni, lo storico Lo storico Gian Paolo Calchi Novati, noto studioso dell’Africa e voce prestigiosa negli studi italiani di politica internazionale sul Terzo Mondo. Per