Nel 2021 i paesi africani rimarranno i migliori amici della Cina

Nel 2021 i paesi africani rimarranno i migliori amici della Cina

Ogni tre anni politici africani e cinesi si riuniscono in un raduno diplomatico noto come Forum sulla cooperazione Cina-Africa (FOCAC).

Il vertice, che attrae più capi di Stato africani che gli incontri annuali dell’ONU, è un punto di partenza per il lungo viaggio della Cina nel continente.

Negli ultimi tre decenni è diventata il partner preminente per molti Paesi africani. La sua importanza sarà nuovamente evidente nel 2021 in occasione del prossimo incontro del FOCAC, l’ottavo, che si terrà a Dakar, la capitale del Senegal.

Ma il contesto di questo vertice è diverso da quello dei sette precedenti. Durante la presidenza Trump il ruolo della Cina in Africa è stato oggetto di crescenti critiche da parte degli americani.

Nel 2020 il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha accusato la Cina di offrire ai Paesi africani poche ma “vuote promesse e stanche banalità”. Anche se l’amministrazione Biden è meno propensa a usare una retorica provocatoria, lo scetticismo nei confronti delle intenzioni cinesi nel continente continuerà comunque a durare. Il prossimo anno potrebbe quindi rivelarsi un anno difficile per i politici africani, che sono già alle prese con le conseguenze della pandemia.

Il loro obiettivo sarà quello di evitare di rimanere invischiati in una partita a somma zero. Ken Ofori-Atta, ministro delle Finanze del Ghana, sostiene che da quando è stata decolonizzata, l’Africa è stata una “scacchiera” per le gare di grandi potenze e che “non ci ha aiutato in alcun modo”. Uhuru Kenyatta, presidente del Kenya, ha avvertito che l’Africa non è un premio da conquistare: “Non vogliamo essere costretti a scegliere”. Cyril Ramaphosa, presidente del Sudafrica, ha detto che l’Africa non deve soffrire per la “gelosia” dell’America nei confronti di ciò che la Cina può offrire al continente.

Qui sta il problema. Nonostante tutte le sue frecciate, e la sua vasta spesa in settori come la sanità pubblica, l’America semplicemente non offre quello che la Cina offre. Se sei un leader di un Paese africano con un bisogno urgente di nuove strade, ponti o porti, allora la finanza e le imprese cinesi sono l’opzione più ovvia.

“La Cina affronta ancora la fame di trasformazione strutturale dell’Africa in un modo che l’Occidente non ha”, dice Deborah Brautigam della China Africa Research Initiative della Johns Hopkins University.

Lo stesso vale per le telecomunicazioni. Huawei, i cui progetti in Africa sono spesso sovvenzionati o sottoscritti dallo Stato cinese, non ha perso alcun ordine nel continente da quando l’America ha iniziato a incoraggiare i Paesi a boicottare la sua tecnologia. “Non è una richiesta ragionevole quando [l’America] non offre un’alternativa seria”, sostiene Judd Devermont del Centre for Strategic and International Studies, un think-tank di Washington, DC.
È improbabile che il FOCAC di Dakar veda la portata delle promesse finanziarie fatte dalla Cina nei forum precedenti. Sia nel 2015 che, con qualche pasticcio, nel 2018, il presidente Xi Jinping ha annunciato pacchetti di prestiti a basso costo, sovvenzioni e investimenti per un valore di 60 miliardi di dollari nei tre anni successivi. Pochi analisti pensano che i risultati saranno allineati; la Cina è troppo diffidente nel finanziare gli elefanti bianchi. Ma questo non significa che sarà meno coinvolta nel continente.
Tanto per cominciare, la Cina è cruciale per le speranze africane di superare la pandemia di covid-19. È il più grande creditore bilaterale in Africa e quindi spesso ha la chiave per sbloccare la rinegoziazione del debito. Xi ha promesso che i Paesi africani avranno accesso prioritario a qualsiasi vaccino cinese sviluppato.

E anche prima del covid-19, l’impegno della Cina con i Paesi africani andava ben oltre le infrastrutture. Ci sono circa 10.000 imprese cinesi, per lo più piccole imprese, che operano in Africa.

Sono più gli studenti africani che studiano in Cina di quanti siano iscritti in America e in Gran Bretagna messe insieme. Le figure cinesi più anziane hanno promosso un’ampia rete di contatti con i loro omologhi africani, soprattutto negli ambienti militari.

L’immagine della Cina in Africa è stata offuscata l’anno scorso dal maltrattamento dei migranti africani a Guangzhou, una città portuale. Ciò ha portato alla condanna da parte dei social media e dei politici africani.

Ma, in generale, le opinioni africane sulla Cina sono diverse e resistenti. Da un sondaggio di 18 paesi condotto dall’Afrobarometer, un gruppo di ricerca panafricano, pubblicato nel settembre 2020, è emerso che una media del 59% degli intervistati ha una visione favorevole della Cina – marginalmente superiore a quella dell’America (58%). Non c’è da stupirsi che i politici africani siano attenti a non schierarsi.

Né vedranno molti vantaggi nel parlare contro la Cina su questioni come lo Xinjiang, Hong Kong o Taiwan. La Cina attribuisce grande valore ai voti dei 54 Paesi africani all’ONU e ad altre organizzazioni internazionali. (Nel 1971 i voti africani hanno garantito l’ammissione della Repubblica Popolare Cinese all’ONU e l’espulsione di Taiwan).

Premierà chi voterà con essa e punirà chi non lo farà. I funzionari in Kenya sono noti per aver studiato la risposta punitiva della Cina alle critiche australiane ai suoi rapporti sui diritti umani e temono ciò che accadrebbe se il loro Paese facesse qualcosa di simile.

Anche se i politici africani volessero esprimersi contro la Cina, pochi credono che i governi occidentali li sosterrebbero se lo facessero.

“L’Occidente non è disposto a sostenere il costo dell’antagonismo con la Cina”, dice W. Gyude Moore, un ex ministro di gabinetto in Liberia, ora al Centre for Global Development, un think-tank. “Il continente è favorito al meglio se segue il proprio corso”.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 538 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Burundi

La East African Community lancia un passaporto comune

I capi di Stato dell’Africa orientale hano presentato un nuovo passaporto elettronico di nuova generazione in un vertice tenutosi ad Arusha, in Tanzania. Il passaporto elettronico servirà a costruire un rapporto

Energia

Orange e Engie, una nuova partnership per l’energia in Africa

Orange e Engie firmano un accordo per lo sviluppo dell’elettrificazione rurale e per ottimizzare la fornitura di energia per le infrastrutture di telecomunicazione in Africa Grazie a questo accordo, Orange e

Africa del Sud

Africa: L’influenza cinese e la risposta del continente

Un’importante narrazione dei primi due decenni del XXI secolo è stata l’ascesa della Cina e il suo emergere come protagonista influente in Africa. La relazione è stata reciprocamente vantaggiosa –