L’Uganda approvata la valutazione di impatto ambientale dell’oleodotto EACOP

L’Uganda approvata la valutazione di impatto ambientale dell’oleodotto EACOP

Il 3 dicembre Kampala ha convalidato lo studio di impatto ambientale dell’oleodotto di 296 km che attraverserà il suo territorio per trasportare il suo petrolio verso i mercati internazionali, attraverso il porto di Tanga in Tanzania. Si tratta di un passo importante che porterà all’inizio della costruzione il prossimo anno.

Il governo ugandese ha approvato la valutazione di impatto ambientale per la sezione ugandese dell’oleodotto che porterà il greggio dai giacimenti di Kingfisher e Tilenga al porto di Tanga in Tanzania. Questo tratto rappresenta circa 296 km della lunghezza totale dell’infrastruttura di 1.443 km.

L’autorità nazionale di gestione ambientale ha quindi rilasciato un certificato di approvazione a Total, il gestore del progetto, che prevede di prendere la decisione finale di investimento nel primo trimestre del prossimo anno. L’effettiva costruzione del gasdotto dovrebbe iniziare nella prima metà del prossimo anno.

Il lavoro costerà 3,5 miliardi di dollari e sarà realizzato in collaborazione con il CNOOC, partner cinese di Total, e i governi dei due paesi ospitanti. Attraverso il progetto di sviluppo a monte, l’Uganda monetizzerà più di 6 miliardi di barili a partire dal 2023 o 2024.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 781 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Occidentale

Aga Khan: E’ arrivato Il momento dell’Africa

Sua Altezza l’Aga Khan ha esaltato la resilienza, il progresso economico e la nuova disponibilità ad accettare la diversità dell’Africa. “Quello che vediamo emergere oggi è una rinnovata fiducia in Africa

Economia

La crisi del debito sta per ripercuotersi sulla facilità di fare affari in Africa

L’ombra di una crisi del debito sovrano incombe sulle economie africane nel 2016. Nel decennio successivo alla riduzione del debito da parte delle istituzioni finanziarie internazionali, molti governi africani hanno

Africa Orientale

Gian Paolo Calchi Novati, il ricordo di un grande studioso italiano di Africa

E’ morto, all’eta’ di 81 anni, lo storico Lo storico Gian Paolo Calchi Novati, noto studioso dell’Africa e voce prestigiosa negli studi italiani di politica internazionale sul Terzo Mondo. Per