Jumia può essere l’Amazon dell’Africa abilitando l’e-commerce di terze parti

Jumia può essere l’Amazon dell’Africa abilitando l’e-commerce di terze parti

Già nel 2012, quando è stata lanciata per la prima volta, l’obiettivo a lungo termine di Jumia era quello di diventare il principale operatore di e-commerce del continente.

Si è posta questo obiettivo, come fanno le tipiche piattaforme di e-commerce: acquisire un vasto inventario, costruire magazzini e puntare a guidare le vendite online sulla base della promessa di facilità e convenienza.

Infatti, uno dei primi passi dell’azienda è stato quello di assumere account manager incaricati di far crescere la propria base di inventario in una gamma diversificata di categorie, dai telefoni cellulari e l’elettronica alla moda, alla bellezza e all’assistenza all’infanzia.

Se i clienti volevano acquistarlo, Jumia – spesso chiamata Amazon of Africa – voleva essere in grado di venderlo. Era simile al modo in cui Amazon stessa ha iniziato prima con libri e CD e poi, alla fine, un Amazon di quasi tutto.
Ma un’IPO da un miliardo di dollari e quasi un decennio dopo, Jumia sta ora inseguendo ambizioni leggermente diverse. Invece di costruire un business basato sull’impegno diretto nell’e-commerce con la vendita al dettaglio di un vasto inventario, Jumia si concentra ora principalmente sull’e-commerce abilitante per gli altri operatori in Africa.

Il primo segnale del cambiamento del modello di business di Jumia è arrivato nel 2016, quando il suo stock interno è stato ridotto e sostituito in gran parte con un marketplace per i fornitori.

Dopo aver investito nel marketing e nella costruzione del suo marchio, Jumia ha iniziato a concedere in locazione essenzialmente immobili digitali, consentendo ai venditori indipendenti di vendere articoli sul suo sito web, guadagnando al contempo una commissione sulle vendite. La messa a punto ha visto Jumia ridurre in modo significativo il rischio sottostante di mantenere le scorte, democratizzando al contempo la sua catena di fornitura.

La proposta si è rivelata interessante anche per i venditori che hanno visto il merito di attingere alla consolidata struttura di e-commerce di Jumia, dal suo mercato online alla sua rete di consegna e stoccaggio. Necessità che guida la creatività

I cambiamenti del modello di business di Jumia sono stati il frutto di dolorose lezioni tratte dalla sua esperienza di leader dell’e-commerce nel continente.

Una delle sue più grandi scoperte iniziali è stato il deficit di fiducia tra i clienti, che ha fatto sì che vendere il sogno dell’e-commerce fosse più difficile di quanto ci si aspettasse.

Con le abitudini di acquisto dei clienti che favorivano la vendita al dettaglio offline rispetto all’e-commerce e la preferenza per i contanti rispetto ai pagamenti digitali, il primo compito dell’azienda, insieme alla concorrenza, è stato quello di progettare un cambiamento nel comportamento degli utenti.

L’azienda ha tentato di farlo costruendo delle soluzioni al classico modello di e-commerce. Ad esempio, la preferenza per i pagamenti in contanti ha visto Jumia adottare un modello “pay on delivery” che permetteva ai clienti di ricevere ed esaminare gli articoli consegnati prima di pagare. Ma questo si è scontrato con i suoi stessi problemi con personaggi sgradevoli che ne approfittavano per organizzare furti di fattorini, tra cui una tragedia che ha conquistato i titoli nazionali.

Nei casi in cui i clienti sceglievano di pagare online, la inaffidabilità dei pagamenti digitali in Nigeria significava che le transazioni online avevano le stesse probabilità di fallire quanto il loro successo.

E quando tutti questi ostacoli sono stati superati, c’è stata anche la difficoltà di effettuare consegne efficienti in città africane congestionate con sistemi di gestione degli indirizzi limitati. La risposta è stata quella di costruire soluzioni interne dal basso verso l’alto.

Per risolvere le difficoltà di pagamento online dei clienti, Jumia ha costruito e lanciato JumiaPay, un servizio di pagamento esclusivo per il suo mercato. Nei mercati con scarsa penetrazione delle carte di credito (al di fuori del Sudafrica) e persino con una bassa penetrazione delle carte di debito, consentire pagamenti digitali flessibili è fondamentale per il successo di qualsiasi operatore di e-commerce.

È anche la ragione per cui le startup fintech sono state parte vibrante dell’ecosistema tecnologico africano per contribuire a risolvere l’opportunità multimiliardaria di consentire l’inclusione finanziaria.

A testimonianza della crescente adozione del JumiaPay da quando è stato lanciato, il 34,1% degli ordini Jumia nel terzo trimestre del 2020 è stato pagato per l’utilizzo del servizio di pagamento interno. E, per ovviare alle difficoltà logistiche, Jumia ha anche allestito 1.300 stazioni di consegna e ritiro per facilitare i problemi di consegna dell’ultimo miglio, una rete di oltre 300 corrieri partner e una tecnologia proprietaria per tracciare i percorsi di consegna ottimali e le giacenze.

Fornitori terzi

Dopo un decennio di risoluzione delle sfide operative che affliggono l’e-commerce nei mercati africani e la costruzione di infrastrutture, Jumia sta ora spostando la sua attenzione sull’outsourcing di queste soluzioni.

Dopo essere stati esclusivi per i propri fornitori e utenti del mercato, JumiaPay e Jumia Logistics sono destinati ad essere aperti [a operatori di e-commerce di terze parti.

Mentre JumiaPay probabilmente si spinge verso una quota di mercato con un pool sempre crescente di operatori fintech concorrenti in tutto il continente, lo spin-off del suo braccio logistico potrebbe vederlo diventare rapidamente un leader di mercato in vari paesi, dato quanto la logistica e la consegna dell’ultimo miglio rappresentino un problema per molti altri piccoli e grandi operatori di e-commerce.

Con operazioni in 11 paesi africani, non ci sono altri operatori di e-commerce focalizzati sull’Africa che possano vantare la conoscenza operativa panafricana di Jumia nel continente, il che lo rende un’opzione interessante per i piccoli operatori che cercano di collegarsi alla sua rete. Naturalmente, la mossa di Jumia è tutt’altro che altruista.

Una lunga storia di enormi perdite significa che la leadership dell’azienda è sempre più focalizzata a guardare oltre l’e-commerce come offerta principale.

Nell’ultimo raporto dell’azienda, Antoine Maillet-Mezeray, il direttore finanziario di Jumia ha detto che l’azienda “diversificherà ulteriormente” i suoi flussi di entrate massimizzando le vie di monetizzazione “non sfruttate”.

“I pagamenti e la logistica sono storicamente l’infrastruttura di base che sostiene la crescita del mercato. Tuttavia, questi asset hanno un enorme potenziale di crescita a sé stante al di là della portata di un mercato di e-commerce”, ha detto Maillet-Mezeray.

E così, l’evoluzione decennale di Jumia passa pienamente alla fase successiva. Originariamente posizionato come un colosso dell’e-commerce focalizzato sul retail, simile al posizionamento originale di Amazon, Jumia si è trasformato in un facilitatore B2B (business to business) di e-commerce di terze parti attraverso il suo marketplace, il servizio di pagamento e la rete logistica.

Ma per molti versi il soprannome “Amazon of Africa” è ancora rilevante per il viaggio di Jumia. Amazon notoriamente ha accumulato perdite per i suoi primi 17 trimestri come società pubblica e anche dopo essere diventata redditizia ha fornito agli investitori solo un modesto ritorno per molti anni. Ma oggi il suo braccio più redditizio è la sua attività B2B Amazon Web Services che ospita molti clienti importanti tra cui Netflix, LinkedIn e Twitch.

Mentre le perdite di Jumia iniziano a ridursi, è un percorso su cui la leadership dell’azienda sembra essersi avviata.

Con il business che continua a concentrarsi sulle commissioni dei fornitori e sui ricavi da adempimento che ora rappresentano il 70% delle entrate del mercato, i ricavi di prima parte (cioè i ricavi da merce acquistata e venduta da Jumia) sono calati del 53% su base annua nel terzo trimestre del 2020.

Il forte calo non è stato casuale: “Ciò è stato in linea con la nostra strategia di ridurre le vendite in prima persona, poiché ci concentriamo sulla gestione di un modello di mercato asset light, in cui i venditori terzi offrono ai consumatori una gamma di prodotti e servizi in espansione”, si legge nel rapporto sugli utili.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 537 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

RwandaAir, in arrivo due nuovi Boeing 737

Oggi, è previsto l’arrivo a Kigali della recente acquisizione della compagnia aerea di bandiera di uno dei due Boeing 737-800NG di RwandAir che hanno lasciato Seattle, Stati Uniti d’America il lunedì. Il

Africa Occidentale

Africa: 2020 un anno perso per le relazioni con la UE

C’era un senso di ottimismo sul rapporto dell’Unione Europea con il continente africano nel marzo 2020 quando il commissario allo sviluppo dell’UE Jutta Urpilainen e l’alto rappresentante dell’UE Josep Borrell

Africa Sub Sahariana

Perché i paesi africani sono riluttanti ad accettare la riduzione del debito COVID-19

Un piano di riduzione del pagamento dei debiti è stato approvato da alcuni dei maggiori istituti di credito del mondo per più di 25 paesi africani. L’accordo include la Banca