Sud Africa: si e’ svolto il Southern Africa Europe CEO Dialogue

Sud Africa: si e’ svolto il Southern Africa Europe CEO Dialogue

Si e’ svolta a Johannesburg, e in contemporanea in diretta sulla piattaforma digitale, la settima edizione del Southern Africa Europe CEO Dialogue.

La pandemia globale COVID 19 potrebbe determinare nel 2020 il peggior anno di crescita per l’economia globale degli ultimi 40 anni, ma rimane un “enorme potenziale inutilizzato” nel rapporto commerciale tra l’Africa meridionale e l’Europa.

Questo è stato il messaggio estremamente positivo di una settima edizione positiva della settima edizione del Southern Africa Europe CEO Dialogue, tenutasi quest’anno a Johannesburg in un formato ibrido fisico e digitale.
La piattaforma di networking e di dibattito di alto livello, organizzata da uno dei principali think tank del mondo La Casa Europea Ambrosetti e il Governo Provinciale del Gauteng, ha riunito ancora una volta decisori chiave e influenti leader commerciali, istituzioni, governi e studiosi delle due regioni per impegnarsi sul tema primario “Africa del Sud e Europa dopo COVID-19”.

Il dialogo è stato inizialmente costruito sulla base delle forti relazioni commerciali tra il Sudafrica e il più grande partner commerciale del Paese, l’Italia, ma da allora si è ampliato fino a comprendere la regione dell’Africa australe e l’Europa.

I CEO e i vertici delle principali multinazionali africane ed europee, come Terna Plus, Vodacom, BNP Paribas, Siemens Energy, Enel Green Power, New Holland AG e Lucchini RS, sono stati tutti solidi partecipanti al Dialogo, mentre l’Agenzia per la crescita e lo sviluppo di Gauteng è stata anch’essa un’importante protagonista.

“Oltre ad essere un partner politico chiave, il Sudafrica è il nostro più importante partner economico e commerciale nell’Africa subsahariana. Tuttavia, entrambi i nostri governi riconoscono l’esistenza di un enorme potenziale non sfruttato che è nostro dovere liberare”. Apprezziamo molto le infrastrutture del Sudafrica e la rete più sviluppata del continente garantisce l’accessibilità e la connettività, nonché una distribuzione efficiente su scala regionale, a partire dai quindici Paesi della Southern African Development Community (SADC)”, ha dichiarato Emanuela Del Re, Vice Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale dell’Italia, in occasione del Dialogo.

Mentre l’economia globale è stata colpita dagli effetti devastanti di COVID 19, Del Re ha detto che le due regioni devono essere preparate per la fase post-Covid.

“Nonostante la crisi, gli indicatori mostrano che ci saranno opportunità in economia. Partenariati come il nostro possono fare la differenza. Lavoriamo insieme per definire una strategia.

La preparazione è fondamentale”, ha detto Del Re, aggiungendo che la presidenza italiana del G20 nel 2021 sarà un’opportunità unica di lavorare insieme all’Africa per affrontare le sfide globali. “Il Sudafrica, come principale ‘voce dell’Africa’, avrà l’opportunità di portare sul tavolo del G20 le principali questioni del continente africano, tra cui lo sviluppo sostenibile, l’empowerment dei giovani e delle donne. Poiché anche per noi queste sono priorità fondamentali, siamo pronti a stabilire un’efficiente sinergie con il Sudafrica nel quadro del G20.

Nonostante le attuali difficoltà che il Sudafrica sta vivendo a causa della situazione globale, le riforme economiche lungimiranti messe in atto da Il presidente Cyril Ramaphosa, insieme all’attuazione dell’accordo continentale di libero scambio africano (AFCTA), si spera che porterà benefici economici ad entrambi i nostri continenti”, ha detto Del Re. In un discorso speciale ai delegati del Dialogo, il Direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Generale, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha detto che mentre l’Africa aveva finora scongiurato i peggiori effetti sulla salute della pandemia COVID 19, “le conseguenze sociali ed economiche sono state gravi”.

“La risposta alla pandemia è stata spesso inquadrata come una scelta tra salute ed economia. È una scelta falsa. La salute e l’economia sono integrate e interdipendenti. È tempo di una nuova narrazione. Non possiamo tornare a fare affari come al solito. La salute non è una causa.

È un investimento nella stabilità, nella produttività e nella sicurezza, è un investimento nel futuro”, ha detto Ghebreyesus.

Il consigliere economico del Presidente Cyril Ramaphosa, Trudy Makhaya, è stata molto ottimista nel suo discorso al Dialogo, dicendo che il Sudafrica sta “vedendo dei veri germogli verdi” in termini di ripresa economica del Paese.

“La fiducia delle imprese è aumentata in modo significativo. Abbiamo appena ospitato la Conferenza sudafricana sugli investimenti e abbiamo raccolto oltre 110 miliardi di R110 miliardi di dollari in impegni”. Il clima degli investimenti richiede che il governo diventi un partecipante attivo nell’eliminazione delle barriere al commercio”.

Anche nel bel mezzo della pandemia COVID 19, solo il 10% dei progetti precedentemente impegnati in precedenti conferenze sugli investimenti è sotto pressione e il 90% del valore degli investimenti è ancora in corso e in fase di attuazione, il che è incoraggiante. Dobbiamo riavviare l’economia e la ripresa sarà guidata dalle infrastrutture, ed è questo che rende così importanti le collaborazioni come il Dialogo tra i CEO di Southern Africa Europe”, ha dichiarato Makhaya.

Il Segretario Generale dell’Area di Libero Scambio Continentale Africana dell’Unione Africana, Wamkele Mene, ha affermato che gli storici accordi commerciali che fino ad oggi sono stati ratificati da oltre 30 Paesi africani significano che l’Africa “è all’apice di qualcosa che ha veramente il potenziale per creare posti di lavoro e un clima più positivo per gli investitori per lo sviluppo industriale in un modo che non abbiamo mai visto prima”.

“L’Africa ha il potenziale, ma non vogliamo essere il continente del futuro per sempre. Vogliamo assicurarci che il futuro dell’Africa sia oggi e che il potenziale dell’Africa sia liberato ed è per questo che stiamo lavorando molto duramente per garantire l’accordo di libero scambio dal 1° gennaio 2021”, ha detto Mene.

Il premier di Gauteng, David Makhura, ha detto che il Dialogo è stato un dialogo con una differenza.

“È una piattaforma di persone influenti, orientate all’azione e orientate ai risultati, in due continenti, del settore pubblico e privato, che si impegnano per relazioni commerciali reciprocamente vantaggiose e per un’economia globale più sostenibile e inclusiva nel mondo post-COVID. COVID-19 ha cambiato il nostro modo di vivere, di lavorare e di pensare al futuro dell’umanità e del pianeta. Ha causato danni devastanti alla vita umana e ha ulteriormente distrutto i mezzi di sussistenza di milioni di persone in tutto il mondo.

La pandemia ci insegna una lezione fondamentale: la solidarietà umana e
il multi-lateralismo costituisce l’approccio migliore per gestire qualsiasi minaccia esistenziale o qualsiasi crisi di civiltà”, ha detto Makhura. Il premier del Gauteng ha detto che “sotto la costante e ferma guida del presidente Cyril Ramaphosa, stiamo rafforzando la capacità e la capacità del governo di lavorare in collaborazione con il settore privato e la società civile per affrontare diverse pandemie contemporaneamente”: COVID-19, la corruzione, la criminalità, la violenza di genere e l’economia in crisi che non soddisfa le esigenze e le aspettative della popolazione”.

Anche di fronte a COVID-19, abbiamo lavorato duramente in collaborazione con il settore privato, il governo nazionale e le municipalità per sbloccare gli investimenti nei settori ad alta crescita dell’economia del Gauteng”, ha aggiunto il premier Makhura. L’amministratore delegato di European House Ambrosetti, Valerio De Molli, ha detto che mentre l’Africa potrebbe per ora “essere riuscita ad evitare il proiettile di Covid 19″ dal punto di vista della salute, non potrà sfuggire ai profondi effetti della crisi economica di Covid 19”.

“La domanda globale sta crollando, perché il 2020 sarà il peggior anno di crescita per l’economia globale degli ultimi 40 anni. L’Africa sub-sahariana affronterà la sua prima recessione in 25 anni, con una contrazione del Pil del -3,1% nel 2020, in calo rispetto a una previsione pre-COVID del +3%. Tale contrazione sarà causata principalmente dalla crisi economica delle principali economie mondiali. C’è comunque un forte motivo per un rimbalzo, in quanto le istituzioni internazionali e finanziarie hanno impegnato una quantità significativa di risorse”, ha detto De Molli.

L’interscambio commerciale dell’Italia è crollato verso tutti i principali Paesi nel 2020 e la perdita totale di scambi commerciali tra i Paesi della SADC e l’Unione Europea è stata di 14 miliardi di euro, di cui l’8,4% delle importazioni e il 6,3% delle esportazioni solo tra gennaio e settembre.
Un aspetto positivo, ha detto De Molli, è che l’interscambio commerciale dell’Italia verso i Paesi della SADC è stato migliore della media UE.

“Nonostante lo scenario avverso, le nostre prospettive sul Sudafrica e sulla regione rimangono positive. Covid19 non compromette i fondamentali a lungo termine del Sudafrica e della regione. Le istituzioni finanziarie multilaterali hanno impegnato risorse significative per aiutare l’Africa a superare la crisi.

L’Area di libero scambio continentale dell’Africa rafforzerà il ruolo del Sudafrica come potenza economica continentale. La crisi attuale può stimolare gli investimenti nella digitalizzazione, permettendo all’Africa di fare un salto verso nuove tecnologie e modelli di business”, ha detto De Molli.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Lo spettro dei bassi prezzi del petrolio e le minacce alla sicurezza in Africa Centrale

Una stretta alla spesa pubblica, la diversificazione economica e maggiori  scambi regionali sono necessari per stimolare la crescita in Africa centrale che è stata ostacolata dal crollo dei prezzi del petrolio e

Economia

Tanzania: dalla EU 115 M di Euro per finanziare sei nuovi progetti

L’Unione Europea ha firmato un patto con il governo della Tanzania per finanziare la realizzazione di sei progetti che dovrebbero contribuire a creare un quadro favorevole allo sviluppo economico e

Angola

L’Angola rilancia il settore siderurgico.

Tredici anni dopo un accordo di pace, un nuovo impianto di $ 300 milioni di dollari sta cominciando a convertire i rottami di quelli che furono micidiali armamenti in tondini