Sudafrica: Forte crescita del mercato immobiliare

Sudafrica: Forte crescita del mercato immobiliare

Non avremmo mai pensato che avremmo assistito a un rally di mercato così sostenuto così a lungo dopo la chiusura di Covid-19 aprile-maggio, ma, sembra che i sudafricani stiano acquistando proprietà come se si trattasse di una vendita del Venerdì Nero, secondo Samuel Seeff  presidente del Seeff Property Group.

Abbiamo visto ora che lo slancio continua per il quarto mese consecutivo. Molte aree stanno raggiungendo il più alto fatturato di vendite degli ultimi anni.

Lo slancio è sostenibile? Seeff ritiene che lo sia e che lo sarà fino al 2021.
La chiave di volta è il tasso d’interesse incredibilmente favorevole, il migliore da circa cinquant’anni a questa parte.

Da un lato, gli immobili sono molto più convenienti con soglie di accesso più basse e, dall’altro, per gli acquirenti attivi e in crescita, la possibilità di prendere mutui per la casa più grandi e di acquistare una casa più grande o di trasferirsi in un quartiere migliore.

Il mercato immobiliare rimane trainato dai segmenti a basso e medio prezzo fino a circa 1,5 milioni di R e fino a 3 milioni di R in alcune aree, per lo più acquirenti che hanno bisogno di mutui per la casa.

Si tratta per lo più di acquirenti con reddito fisso che non sono particolarmente colpiti dai tagli salariali di Covid-19 che abbiamo visto in settori come il turismo e i settori più informali.

Gli acquirenti continuano ad affluire sul mercato per sfruttare appieno il basso tasso d’interesse e il clima favorevole dei prestiti bancari. I tassi di approvazione si attestano ancora a oltre l’80% e circa due terzi degli acquirenti si stanno ancora assicurando finanziamenti al 100% o quasi.

In molti settori, gli immobili sono più convenienti dell’affitto. Ad esempio, un immobile di 1,5 milioni di R le costerebbe solo circa 12.000 R al mese di rata di mutuo, rispetto ad un affitto di circa 14.000 di R.

Secondo Seeff, oltre i 3 milioni di R, anche se l’acquisto rimane più selettivo e i venditori dovranno continuare a garantire che la loro proprietà offra il miglior valore in quanto gli acquirenti stanno negoziando con forza.
Seeff ha affermato che inoltre l’inflazione continua a scendere, scendendo al 3% per settembre e ora al fondo del range target della Reserve Bank, il che rende un forte argomento a favore di un’ulteriore possibile riduzione del tasso di interesse di 25bps questo mese.

Come minimo, il basso tasso d’interesse dovrebbe rimanere basso fino al 2021 e quindi ci si aspetta che lo slancio del mercato si mantenga fino alla fine del 2021.

“Abbiamo un mercato ben equilibrato. Di solito ci aspetteremmo che questo livello di attività si traduca in una penuria di giacenze, ma il mercato è ancora adeguatamente rifornito. Ciò significa che i prezzi non sono in ripresa e gli acquirenti possono ancora approfittare del tasso d’interesse favorevole e delle condizioni di prestito bancario”, ha concluso Seeff.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Cavalcare il rinascimento Etiopico

Produzione di energia elettrica, infrastrutture e agroalimentare: sono questi i tre settori nei quali di qui ai prossimi anni le Autorità etiopiche ritengono che si creeranno le principali opportunità di

Africa del Sud

Export Italiano in accelerazione +4% nei prossimi quattro anni – Il rapporto SACE 2017

Si e’ svolta a milano, il 21 giugno, nel prestigioso Palazzo Mezzanotte la presentazione da parte di SACE, gruppo CDP, la presentazione del nuovo Rapporto Export 2017. Dal rapporto di

Africa Orientale

Nairobi, Dar Es Salaam e le promesse del settore retail

Kenya e Tanzania sono tra 10 paesi con il più alto potenziale di crescita per le vendite al dettaglio in Africa sub-sahariana, ma la mancanza di materie prime per l’industria manifatturiera