CAMEROON-CONGO: verso la ripresa del progetto idroelettrico da 600 MW sul fiume Dja/Ngoko

CAMEROON-CONGO: verso la ripresa del progetto idroelettrico da 600 MW sul fiume Dja/Ngoko

Le autorità camerunesi e congolesi hanno espresso il desiderio di far rivivere il progetto idroelettrico di Chollet, rimasto nei cassetti per quasi un decennio. Con una capacità prevista di 600 MW, il progetto si svilupperà sul fiume Dja/Ngoko.

Stiamo andando verso il rilancio del progetto idroelettrico di Chollet? Le autorità camerunesi e congolesi hanno appena discusso la questione durante una videoconferenza organizzata dal comitato direttivo interstatale del progetto. L’evento online ha mobilitato i ministri dell’energia del Camerun e del Congo. Tra le risoluzioni di questo incontro c’è l’avvio di studi tecnici e finanziari che potrebbero iniziare nel primo trimestre del 2021.

Ma prima di allora, il presidente camerunese Paul Biya e il suo omologo congolese Denis Sassou-Nguesso dovrebbero firmare i loro accordi per il rilancio di questo progetto nei cassetti a partire dal 2010. Secondo il comitato direttivo interstatale del progetto di sviluppo idroelettrico di Chollet, gli impianti saranno realizzati in più fasi. Dopo gli studi ambientali e finanziari, sarà necessario esaminare la mobilitazione finanziaria, così come la costruzione della diga e della centrale idroelettrica di Chollet.
L’energia prodotta da questo impianto sarà trasferita in Camerun e in Congo attraverso due linee. I due paesi dell’Africa centrale non escludono la possibilità di vendere parte dell’elettricità ai paesi vicini, in particolare alla Repubblica Centrafricana (RCA) e al Gabon. Il progetto sarà realizzato da China Gezhouba Compagny Group (CGCG), che sostituisce il suo connazionale Sinohydro, precedentemente scelto dalle autorità camerunesi e congolesi.

La società cinese costruirà una diga alta 108 m, formando una cascata di 85 m sul fiume Dja (noto anche come fiume Ngoko, ndr), che attraversa il Camerun e il Congo prima di unirsi al fiume Sangha, a sua volta affluente del fiume Congo. Il progetto, che richiederà un investimento stimato di 700 milioni di dollari, potrebbe essere consegnato entro il 2025, secondo il Comitato direttivo interstatale formato per gestire il progetto. Non è stato ancora deciso nulla.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 613 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Tanzania: Il settore del LNG alla ricerca di un compromesso

I ritardi nei colloqui sulla prevista struttura di esportazione di LNG della Tanzania mettono a rischio il futuro del progetto. Le società petrolifere internazionali (CIO) che si occupano di grandi

Tanzania

Tanzania: cosa significa l’oleodotto EACOP per il paese

Le autorità tanzaniane hanno un mese di tempo per concludere e firmare l’Accordo del Governo ospitante (HGA) con le imprese a monte coinvolte nell’East African Crude Oil Pipeline (EACOP). Il

Nigeria

La Nigeria riconsidera i suoi contratti petroliferi

Sommario La Nigeria si trova in una posizione difficile quando si tratta di energia. Le sue riserve petrolifere onshore e in acque poco profonde hanno raggiunto il picco produttivo, sempre più