Tanzania: prossima gara d’appalto per la costruzione di 2.550 km di linee ad alta tensione e 51 sottostazioni

Tanzania: prossima gara d’appalto per la costruzione di 2.550 km di linee ad alta tensione e 51 sottostazioni

La Tanzania si sta preparando alla gara d’appalto per la costruzione di 2.550 km di linee elettriche ad alta tensione e 51 sottostazioni elettriche per servire le sue aree rurali. Gli studi di fattibilità del progetto sono stati completati con il sostegno dell’UE, aprendo la strada alla mobilitazione dei fondi.

La Tanzania mira ad espandere la sua rete elettrica nazionale con l’installazione di 2.550 km di linee ad alta tensione e 51 sottostazioni di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica. Delle sottostazioni da costruire, 36 saranno nuove, mentre le rimanenti 15 saranno vecchie strutture con maggiore capacità.

Il Governo ha quindi effettuato uno studio di fattibilità con il supporto della società italiana Studio Pietrangeli per garantire la fattibilità economica e tecnica del progetto e il sostegno delle varie parti. Lo studio ha preso in considerazione due scenari. La prima con la rete elettrica esistente, comprese le centrali elettriche e le infrastrutture già esistenti. Il secondo scenario ha tenuto conto dello stato della rete elettrica previsto per il 2040 con tutte le infrastrutture previste in quel periodo.

Il progetto è stato completato dopo otto mesi di lavoro e comprendeva anche la preparazione dei vari documenti di gara che consentiranno di lanciare un bando di gara internazionale per selezionare la società che realizzerà il progetto. Il completamento dello studio finanziato con il sostegno dell’Unione Europea permetterà al Paese di avviare il meccanismo di mobilitazione dei fondi per la sua realizzazione.

Va ricordato che l’80% della popolazione tanzaniana vive in zone rurali. Questo progetto, che sarà localizzato principalmente in queste regioni, permetterà al Paese di muoversi verso l’accesso universale all’energia che prevede di raggiungere l’anno prossimo.
Fonte

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 541 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Rwanda, eliminazione dei visiti per gli Africani entro il 2018

Il  Rwanda prevede di rimuovere l’obbligo di visto per i cittadini africani in viaggio verso il paese entro il 2018, al fine di attrarre più investitori e turisti dal continente.

Economia

Africa orientale- Africa orientale, un peggioramento nella valutazione degli investitori

Tutti i paesi dell’Africa orientale hanno registrato nell’ultimo anno un clima meno attraente per gli investimenti e un aumento dei rischi. L’indice Africa Risk and Reward Index 2020, pubblicato dalla

Africa Centrale

Il potenziale dell’Africa viene sottovalutato

L’apparente fine del super-ciclo delle materie prime ha avuto ripercussioni su tutta l’economia globale. Ha scatenato turbolenze nei mercati azionari mondiali, messo pressione sulle valute, e alimentato preoccupazioni circa le