Oleodotto Tanzania-Uganda: Firmato l’accordo per l’inzio dei lavori

Oleodotto Tanzania-Uganda: Firmato l’accordo per l’inzio dei lavori

Una visita di lavoro di un giorno in Tanzania del presidente dell’Uganda Yoweri Museveni ha spianato la strada alla costruzione dell’oleodotto Hoima-Tanga, lungo 1.445 km.

Il presidente Museveni e il suo ospite tanzaniano, il presidente John Magufuli, hanno assistito domenica alla firma di un accordo nel distretto di Chato, nella regione di Geita, che ha spianato la strada alla costruzione dell’oleodotto di greggio che va dai campi petroliferi ugandesi al porto tanzaniano di Tanga Parlando in occasione dell’evento, Museveni ha detto che il progetto deve iniziare con effetto immediato affinché la popolazione dei due Paesi possa iniziare a godere dei frutti di cui dispone.

“Da quando abbiamo scoperto il petrolio in Uganda, ci sono stati molti dibattiti e trattative sulle condizioni da applicare, è un bene che tutto questo sia finito e ora siamo pronti per il progetto”, ha detto in un evento trasmesso in diretta dall’aeroporto di Chato.

Secondo Museveni, per cominciare, il progetto è destinato a produrre 6,5 miliardi e mezzo di barili, dove la Tanzania otterrà il 60 per cento del profitto e il restante 40 per cento sarà per l’Uganda.

“Il petrolio sarà esplorato dall’area che copre il 40 per cento della superficie totale che si è scoperto avere questa ricchezza naturale, abbiamo deciso di iniziare con esso poiché si tratta della nuova area di investimento”, ha spiegato.

Secondo lui, ci sono stati lunghi dibattiti e trattative tra l’Uganda e le altre parti interessate sull’ammontare delle tasse e delle altre spese, che hanno ritardato l’inizio del progetto.

Per consentire il tempestivo avvio del progetto, il presidente Museveni ha detto che il suo Paese ha dovuto rinunciare a un totale di 800 milioni di entrate in dollari USA da riscuotere dal progetto per i prossimi 25 anni.
“Poiché si tratta di una nuova area, abbiamo deciso di utilizzare la piccola area da cui potremo anche imparare di più per poter fare meglio nel prossimo progetto”, ha aggiunto.

La Tanzania guadagnerà 7,5tri/- e creerà più di 15.000 posti di lavoro nei prossimi 25 anni, o più, grazie al progetto.

L’accordo sulla costruzione dell’oleodotto arriva pochi giorni dopo che il governo dell’Uganda e Total hanno concluso e firmato l’Host Government Agreement (HGA) per il progetto dell’oleodotto per il petrolio greggio dell’Africa orientale (EACOP).

Dopo la firma dell’HGA, il leader ugandese ha promesso di mettersi in contatto con il suo omologo tanzaniano, il dottor Magufuli, per risolvere altre questioni in sospeso, in particolare la conclusione dell’accordo del governo ospitante in Tanzania.

In Tanzania, l’UTCOP passerà attraverso otto regioni – Kagera, Geita, Shinyanga, Tabora, Singida, Dodoma, Manyara e Tanga, dove attraverserà 24 distretti e 123 reparti.

La linea del Tanga, secondo gli studi di fattibilità, era considerata la più economica per l’Uganda per il trasporto del suo petrolio dal punto di produzione di Hoima al mercato internazionale.

Ha un comodo terreno pianeggiante, non interrotto da altre attività, nonché le difficoltà ambientali modeste, e fornisce il programma più breve per vedere la prima esportazione di petrolio per la prima volta a metà del 2020.
Secondo il presidente Museveni, il progetto renderà anche il carburante più economico, favorendo così l’industria aeronautica, per cui le compagnie aeree regionali otterranno carburante per aerei più economico.

Il ministro degli Affari esteri e della cooperazione con l’Africa orientale, Prof. Palamagamba Kabudi, ha dichiarato una volta che l’attuazione del progetto aprirà la regione ad ulteriori opportunità commerciali e, a sua volta, ad un rapido sviluppo socio-economico.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Africa occidentale- La Nigeria si appresta a costruire la seconda centrale idroelettrica più grande dell’ Africa

Il governo nigeriano ha risolto una disputa legale sulla proposta di costruzione di quella che dovrebbe diventare la seconda centrale idroelettrica più grande dell’Africa. L’impianto di Mambilla, il sistema di

Energia

Nigeria, nuovi incentivi per le rinnovabili

La Nigerian Electricity Regulatory Commissione (NERC) ha approvato nuove norme volte a promuovere gli investimenti nelle fonti di energia rinnovabili. Il governo mira ad un minimo di 2.000 MW di

Tanzania

Africa: Total investe in startup per l’energia solare

La società petrolifera francese Total ha annunciato Martedì che aveva acquistato una partecipazione in start-up dell’energia solare in Africa attraverso il fondo di Total Energy Ventures che si espande nelle energie rinnovabili. Total ha