Tanzania, migliorare la qualità delle pelli per l’export

Tanzania, migliorare la qualità delle pelli per l’export

Per migliorare la qualità delle pelli in Tanzania, ai pastori è stato consigliato di adottare razze migliori per soddisfare gli standard richiesti sul mercato internazionale.

Il consiglio è stato emesso ieri dal responsabile dello sviluppo della pelle del Consiglio del distretto di Musoma, il sig. Ayubu Joseph, durante la 27a esposizione agricola di Nane Nane in corso nel distretto di Bariadi, nella regione di Simiyu.

Il sig. Joseph ha detto che le dimensioni, il peso e il grado di uniformità delle pelli dipendono dalle tecnologie agricole, affermando, ad esempio, che la maggior parte dei pastori utilizza lo Zebù a corno corto tanzaniano (TSHZ) che produce una pelle piccola e leggera.

“So che non è facile per i pastori nella maggior parte del paese abbandonare il TSHZ e cercare di migliorare l’allevamento utilizzando l’inseminazione o l’incrocio, ma affinché la Tanzania possa ottenere pelli di qualità, tali tecnologie devono essere adottate”, ha detto.

Ha inoltre detto che le specifiche richieste dalla maggior parte degli acquirenti includono pelli che vanno dai cinque chilogrammi in su, mentre la TSHZ produce pelli del peso di 3-4 chilogrammi, quindi spesso i venditori non soddisfano gli standard in quanto le razze disponibili sono piccole.
Secondo il sig. Joseph, altri vincoli che il sottosettore deve affrontare sono le pratiche zootecniche inadeguate legate alla protezione degli animali dall’attacco delle zecche, come l’immersione e la creazione di segni sulle pelli animali che fanno perdere valore alle pelli o alle pelli.

Esplorando ulteriormente, ha detto che alcuni degli animali tenuti nel sistema pastorale hanno graffi, rastrelli di corno, morsi di zecca, segni di indurimento e di identificazione, che abbassano il valore della pelle, aggiungendo che anche i metodi di conservazione e di trasporto degli animali giocano un ruolo significativo nella riduzione della qualità e del valore delle pelli.
Si stima che la Tanzania abbia una popolazione di 30,5 milioni di bovini, 18,5 milioni di capre, 5 milioni di pecore e 600.000 asini, il che la colloca tra i primi tre paesi con un elevato numero di capi di bestiame in Africa.

I dati sulle esportazioni per il 2014, pubblicati nella Strategia nazionale per il settore della pelle, dimostrano che la Tanzania è il 14° esportatore di pelli in Africa e il 12° nell’Africa subsahariana.

Il totale delle esportazioni di pelli dalla Tanzania per il 2018/19 (aprile) è stato di 3,6 milioni di dollari USA.
Secondo la catena di valore delle materie prime per l’allevamento e la pesca, la Tanzania ha nove industrie di lavorazione della pelle, ma solo cinque industrie sono attualmente operative.

Dei cinque settori operativi, tre convertono le pelli grezze in pelle conciata (Wet blue) mentre due lavorano la pelle grezza fino alla fase finale (Finished leather).

 

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 542 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Kenia: IVECO Annuncia l’apertura di una linea assemblaggio e partneship commerciale nel paese

IVECO ha annunciato che sta espandendo la propria presenza in Africa orientale, iniziando e dare un nuovo inizio alle sue operazioni industriali e commerciali in Kenya con il suo nuovo

Nigeria

Nigeria, 200 Milioni dalla della Banca Mondiale per lo sviluppo di Lagos

Il governo della Nigeria ha approvato un prestito di $ 200 milioni di dollari, erogato da da un’agenzia della Banca Mondiale per lo sviluppo delle infrastrutture nello stato di Lagos,

Africa Occidentale

Moratti, Sace e Fondazione E4Impact: Investire Nelle Filiere Agro-Industriali In Africa

Nel nuovo contesto di sviluppo degli interscambi tra Italia e Paesi africani, favorito dalle recenti missioni governative nel continente africano, si è tenuto a Lodi un incontro per verificare come