Africa sub-sahariana: continua il 68% dei progetti alberghieri, nonostante le incertezze legate alla pandemia

Africa sub-sahariana: continua il 68% dei progetti alberghieri, nonostante le incertezze legate alla pandemia

Nonostante le incertezze legate alla crisi sanitaria, il 68% dei progetti alberghieri prosegue come previsto nell’Africa subsahariana, secondo un’indagine della società di consulenza HTI Consulting. In questo difficile contesto, 21 nuovi progetti dovrebbero addirittura essere completati nel 2020.

“Su un totale di 219 progetti alberghieri attualmente in fase di realizzazione nell’Africa subsahariana, un’ampia percentuale (68%) sta procedendo come previsto, con solo il 18% attualmente in attesa per un periodo limitato e il 13% a tempo indeterminato”, secondo un’indagine condotta dalla società di consulenza sudafricana HTI Consulting.

I dati sono stati raccolti da un’indagine che ha riguardato 14 operatori regionali e internazionali attivi nel settore alberghiero africano (41 marchi alberghieri e 219 progetti in fase di sviluppo). Tra questi figurano Hilton Worldwide, Marriott International, Radisson Hotel Group e Accor Hotels.

Ciò è dovuto principalmente all’ottimismo nell’analizzare il settore e nello stabilire prospettive a lungo termine tra la maggioranza dei proprietari di hotel (57%), nonostante le sfide e gli ostacoli senza precedenti causati dalla pandemia che l’industria alberghiera africana sta affrontando, osserva la società di consulenza.

In questo difficile contesto, 21 progetti alberghieri (che rappresentano 2946 camere in 15 paesi africani) dovrebbero vedere la luce nel 2020, con il 52% dei progetti che prevedono ritardi a breve termine di 3-6 mesi.

“Ritardi a lungo termine [da 9 a 12 mesi o 12+ mesi] sono generalmente previsti sui progetti nella fase iniziale di sviluppo”, commenta Wayne Troughton, amministratore delegato di HTI Consulting e autore principale dello studio. Questi ritardi possono essere generalmente attribuiti all’incertezza sulla durata delle chiusure delle frontiere aeree”, aggiunge. Tuttavia, circa il 30% dei progetti in costruzione non dovrebbe subire un ritardo nello sviluppo nonostante il covid-19″.

L’Africa orientale rimane la regione più dinamica

L’Africa orientale rimane la regione con il più forte indotto alberghiero dell’Africa subsahariana, seguita dall’Africa occidentale e poi dall’Africa australe. L’Africa orientale ha attualmente 88 hotel di marchi in fase di sviluppo, mentre l’Africa occidentale ne ha 84 e l’Africa meridionale ne ha 47.

Dei 21 hotel la cui apertura è prevista per il 2020, l’Africa orientale (40% dell’offerta totale) vedrà l’ingresso sul mercato di 1134 nuove camere nelle principali città come Dar es Salaam (20%) e Addis Abeba (20%). L’Africa occidentale prevede 719 camere in via di realizzazione che dovrebbero aprirsi nel corso del 2020, in particolare ad Accra (28%) e Bamako (28%).

L’Africa meridionale, dal canto suo, ha 963 camere che dovrebbero aprire, con il Sudafrica – Johannesburg (71%) e Durban (21%) – che beneficia della maggior parte delle attività, seguito dallo Zambia. Nella pipeline di sviluppo complessivo dell’Africa subsahariana, ci sono 219 hotel di un marchio (che rappresentano 33.698 camere) in 38 mercati.

Nuovi contratti nel bel mezzo di una crisi sanitaria

Nonostante la pressione economica, molti albergatori sono riusciti a concludere e firmare nuovi contratti con i proprietari degli alberghi durante il periodo di contenimento. Da marzo a giugno, secondo HTI Consulting, sono stati firmati 15 nuovi contratti da 7 operatori in 8 paesi. Questi contratti sono stati firmati in grandi città come Abidjan, Accra, Lagos e Durban, che già prima della crisi erano mercati alberghieri forti e diversificati. “Ci si aspetta che queste città si riprendano più velocemente delle città secondarie”, commenta la società.

Per Wayne Troughton, “è lecito supporre che un approccio più cauto sarà adottato dai proprietari di hotel e dagli investitori nella valutazione della loro strategia di investimento”. Tuttavia, sostiene, “i prossimi due o tre mesi saranno critici, dato che molte aziende alberghiere non hanno piani per garantire la sostenibilità oltre quel periodo”.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 542 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Centrale

Jumia può essere l’Amazon dell’Africa abilitando l’e-commerce di terze parti

Già nel 2012, quando è stata lanciata per la prima volta, l’obiettivo a lungo termine di Jumia era quello di diventare il principale operatore di e-commerce del continente. Si è

Africa Orientale

L’Africa Integration Index, sorprese e vincitori.

Sede di diverse basi militari, la città-stato di Gibuti, sta attirando l’attenzione del mondo, come uno dei principali attori geopolitici, facendo leva sulla sua posizione particolarmente favorevole. Gli Stati Uniti,

Economia

Nairobi, Dar Es Salaam e le promesse del settore retail

Kenya e Tanzania sono tra 10 paesi con il più alto potenziale di crescita per le vendite al dettaglio in Africa sub-sahariana, ma la mancanza di materie prime per l’industria manifatturiera