L’Africa orientale resta la regione africana in più rapida crescita, nonostante le perturbazioni di COVID-19

L’Africa orientale resta la regione africana in più rapida crescita, nonostante le perturbazioni di COVID-19

Le turbolenze economiche causate dalla pandemia COVID-19 hanno spinto la proiezione di crescita dell’Africa orientale per il 2020 all’1,2%, un tasso che supera le altre regioni africane e che secondo le previsioni della East Africa Regional Economic Outlook 2020 della Banca Africana per lo Sviluppo, dovrebbe rimbalzare al 3,7% nel 2021. La proiezione è soggetta allo scenario di base che ipotizza che il virus sia contenuto entro il terzo trimestre di quest’anno.

Prima della pandemia COVID-19, la crescita economica della regione era prevista a più del 5 per cento, ben al di sopra della media continentale del 3,3 per cento e della media globale del 2,9 per cento. Tuttavia, gli shock indotti da COVID-19 e l’invasione di locuste hanno contribuito alla perdita di posti di lavoro, all’aumento delle esigenze umanitarie e aggraveranno la povertà e la disuguaglianza di reddito.

Nel peggiore dei casi, in cui la pandemia persiste fino alla fine del 2020, si prevede una crescita dello 0,2 per cento, ancora superiore alla media africana prevista del -1,7 per cento e del -3,4 per cento nei due scenari.
In occasione del lancio del rapporto tenutosi mercoledì a Nairobi, Simon Kiprono Chelugui, Segretario di Gabinetto del Ministero del Lavoro del Kenya, ha dichiarato che i Paesi dell’Africa orientale potrebbero superare gli effetti della COVID-19 e invertire la tendenza delle loro economie mitigando i rischi esterni e interni.

“Dobbiamo attuare una risposta decisa e coordinata per contenere la diffusione di COVID-19; mitigare i suoi effetti sanitari e socio-economici; accelerare la trasformazione strutturale; migliorare il clima degli investimenti e mantenere la pace e la sicurezza della nostra regione”, ha detto.

Il Regional Economic Outlook indica che la pandemia di COVID-19 influenzerà le economie dell’Africa orientale in molti modi, come il calo dei prezzi delle materie prime e del commercio, e le restrizioni sui viaggi con un conseguente impatto negativo sul turismo. Il calo dei flussi finanziari ha colpito i saldi fiscali e delle partite correnti della regione, mentre le interruzioni delle catene di approvvigionamento hanno danneggiato la produzione e la distribuzione di cibo. Con la chiusura delle scuole, si stima che circa 90 milioni di studenti siano stati esclusi dalle classi.

Nnenna Nwabufo, il direttore generale dell’ufficio regionale della Banca per l’Africa orientale, ha promesso il sostegno della Banca per guidare la regione fuori dalla crisi.

“La nostra ambizione è quella di affrontare gli effetti negativi della pandemia COVID-19 e garantire che lo sviluppo sociale ed economico in tutto il continente sia accelerato, anche attraverso la creazione di una forza lavoro africana del futuro”, ha detto.
Ha osservato che la Banca ha risposto rapidamente per fornire il sostegno urgentemente necessario per affrontare gli effetti immediati della pandemia COVID-19, compreso il sostegno di 212 milioni di dollari al Kenya, 165 milioni di dollari all’Etiopia, 4 milioni di dollari al Sud Sudan e 10 milioni di dollari alle Seychelles.

Nwabufo ha chiesto uno sforzo collettivo per affrontare le sfide dello sviluppo come la COVID-19, l’aumento del debito pubblico e l’invasione delle locuste, al fine di riorientare le nazioni verso un percorso di sviluppo sostenibile.

Gli autori del rapporto hanno chiesto misure politiche urgenti per attutire gli effetti della pandemia COVID-19.
“I paesi dell’Africa orientale dovrebbero accelerare una vera trasformazione strutturale passando da una produzione a basso valore aggiunto ad attività a più alto valore aggiunto che potrebbero mitigare le vulnerabilità agli shock interni ed esterni”, ha detto il dottor Marcellin Ndong Ntah, un economista capo delle banche.

Oltre a indagare l’impatto della pandemia COVID-19 sulla regione, il rapporto di quest’anno ha posto particolare enfasi su “Sviluppare la forza lavoro dell’Africa orientale per il futuro”. Per coltivare le competenze per la forza lavoro del futuro, c’è un urgente bisogno di ampie riforme nell’istruzione, di investimenti nella tecnologia dell’istruzione, di affrontare i fattori che impediscono ai bambini di frequentare la scuola e di stabilire collegamenti tra il mondo accademico e l’industria, ha detto Edward Sennoga, un Bank Lead Economist, e un altro degli autori del rapporto.

Julius Mukunda, direttore esecutivo del Civil Society Advocacy Group in Uganda, ha detto che per alimentare la crescita, le nazioni dell’Africa orientale devono eliminare la corruzione e investire in aree in cui la regione ha punti di forza unici, come la produzione alimentare, non solo per fornire cibo, ma anche reddito agli agricoltori per aiutarli a mitigare gli effetti di COVID-19.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Etiopia: un fondo internazionale per salvare l’industria tessile

Il Regno Unito, la Germania e l’Etiopia hanno creato un fondo che potrebbe salvare migliaia di posti di lavoro nell’industria tessile e dell’abbigliamento del Paese dell’Africa orientale, contribuendo al contempo

Africa Centrale

Risorse naturali, i produttori africani dovrebbero credere nel “superciclo”?

Il 35° rapporto Cyclope sui mercati delle materie prime è stato pubblicato il 26 maggio 2021 in un momento in cui i prezzi di diverse materie prime, in particolare i

Tanzania

Tanzania: 9.2 miliardi di  investimento per nuovi cementifici

Tre aziende prevedono di investire fino a 20 miliardi di scellini ($ 9,2 miliardi) nella produzione del cemento Tanzania in progetti che potrebbero raddoppiare la capacità installata della nazione, ha