Etiopia: studio di fattibilità per il collegamento ferroviario Etiopia-Sudan

Etiopia: studio di fattibilità per il collegamento ferroviario Etiopia-Sudan

Il Consiglio di amministrazione della Banca africana di sviluppo ha approvato una sovvenzione di 1,2 milioni di dollari al governo etiope per finanziare uno studio di fattibilità relativo a un collegamento ferroviario a scartamento standard (SGR) tra l’Etiopia e il vicino Sudan.

Questa sovvenzione del Fondo Africano di Sviluppo, il ramo prestiti a tasso agevolato del Gruppo, copre il 35% del costo totale dello studio, stimato in 3,4 milioni di dollari. Il finanziamento residuo sarà fornito dal NEPAD Infrastructure Project Preparation Facility (NEPAD-IPPF) sotto forma di una sovvenzione di 2 milioni di dollari, e da un contributo di 100.000 dollari per ciascuno dei due Paesi coinvolti. Il finanziamento è stato approvato a gennaio.

Lo studio di fattibilità della durata di due anni per il progetto ferroviario tra l’Etiopia e il Sudan ne valuterà la fattibilità tecnica, economica, ambientale e sociale, e le modalità di finanziamento alternative, compreso un partenariato pubblico-privato (PPP).

La linea ferroviaria collegherà Addis Abeba in Etiopia a Khartoum in Sudan, con un’estensione a Port Sudan sul Mar Rosso. Il percorso, concordato da entrambi i governi, si estende per circa 1.522 chilometri da Addis Abeba a Port Sudan.

Secondo il documento presentato ai direttori del Fondo Africano di Sviluppo, l’assenza di una via di comunicazione regionale che colleghi Etiopia, Sudan e altri Paesi del Corno d’Africa è un freno al commercio, allo sviluppo e all’integrazione regionale. La circolazione di merci e persone tra il Sudan e l’Etiopia richiede spesso l’uso di diversi mezzi di trasporto, il che aumenta i costi e allunga i tempi di viaggio.

I risultati dello studio di fattibilità del progetto saranno molto attesi perché la sua realizzazione interesserà gran parte dei 110 milioni di persone che vivono in Etiopia e i 43 milioni di abitanti del Sudan, oltre a quelle più lontane, poiché questo percorso sarà collegato alla rete di trasporto del Corno d’Africa.

Lo studio proposto è in linea con il documento di strategia nazionale 2016-2020 della Banca per l’Etiopia, che si ispira al Piano di crescita e trasformazione del Paese (GTP-II) e alle priorità del prossimo Piano decennale 2021-2030. È inoltre coerente con gli obiettivi di sviluppo a lungo termine del governo sudanese, descritti nella sua strategia nazionale di 25 anni (2007-2031). È inoltre pienamente in linea con la Strategia decennale 2013-2022 della Banca e con la priorità operativa dello sviluppo delle infrastrutture. Quattro delle cinque priorità strategiche della Banca sono affrontate da questo progetto: Integrare l’Africa, nutrire l’Africa, industrializzare l’Africa e migliorare la qualità della vita delle popolazioni africane.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Gibuti

2015: Questo è stato il vero anno del drago cinese in Africa

La Cina sta cercando di posizionarsi come una potenza globale, e per molti versi, l’Africa è un elemento nella costruzione di questo percorso. Fra la grande soddisfazione per l’annuncio all’inizio di dicembre

Africa Occidentale

Eni: nuova organizzazione per essere leader della transizione energetica

ROMA, grazie ad una nuova organizzazione nascono due nuove Direzioni Generali, la Natural Resources, per la valorizzazione sostenibile del portafoglio upstream oil&gas, per l’efficienza energetica e la cattura della CO2

Economia

Nigeria: Faresin Building cresce nel paese con SIMEST

SIMEST, società del polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, rafforza la penetrazione in Nigeria della Faresin Building di Vicenza, primo produttore italiano di sistemi per l’edilizia industrializzata e tra