Kenia, verso il blocco definitivo dell’import di abiti usati

Kenia, verso il blocco definitivo dell’import di abiti usati

In Kenya, l’industria tessile locale vuole un divieto definitivo di importazione di abbigliamento di seconda mano per incrementare la produzione locale. La misura è stata temporaneamente imposta lo scorso marzo per limitare la diffusione del coronavirus.

L’industria tessile locale sta esortando il governo a mantenere il divieto permanente di importazione di abbigliamento di seconda mano per incrementare la produzione locale. Imposta lo scorso marzo, questa misura temporanea mira a limitare la diffusione del coronavirus nel paese.

Secondo diversi operatori intervistati da Businessdailyafrica, questa restrizione commerciale rappresenta un’opportunità unica per rilanciare il comparto del tessile-abbigliamento, la cui crescita è ostacolata dai prodotti a basso costo.

“Gli operatori locali hanno la capacità di offrire ai consumatori prodotti a prezzi accessibili in un ambiente che offre economie di scala”, dice Beatrice Mwasi dell’organizzazione keniota LASK.

Gli osservatori dubitano che questo appello riceverà una risposta favorevole dal governo keniota. In effetti, il Paese si è già tirato indietro su questo tema qualche anno fa, di fronte alla minaccia di esclusione degli Stati Uniti dall’AGOA a seguito di una denuncia dell’American Secondary Textile Materials Industry Association (SMART).

Recentemente, la SMART ha anche criticato il divieto temporaneo di importazione di capi di abbigliamento usati, mettendo in dubbio l’effettiva trasmissione del virus attraverso i capi di abbigliamento.

Ricordiamo che il Kenya ha speso 17,8 miliardi di scellini (167 milioni di dollari) per l’importazione di abbigliamento di seconda mano nel 2019.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Occidentale

Nigeria, la carenza di pomodori blocca l’impianto della Dangote

Il più grande impianto di lavorazione di pomodori dell’Africa riesce a malapena ad operare con profitto, sei anni dopo l’inizio della produzione, perché non riesce a ottenere frutti adeguati da

Nigeria

In Africa, gli sviluppatori cinesi stanno costruendo una Mini Cina

Alla periferia di Nairobi, in Kenya, un piccolo segno indica che ci troviamo in “Beijing Road”, dove si erge un nuovo complesso residenziale chiamato “Residence la Grande Muraglia”, come se

Nigeria

Dangote Industries sfrutta l’accordo AfCFTA per espandersi nel continente

Dangote Industries sfrutta l’Africa Continental Free Trade Area, per fare leva sull’espansione e sulle nuove rotte commerciali. Con molti paesi che fanno strategie per l’area continentale africana di libero scambio