Il Kenya vince il seggio al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Il Kenya vince il seggio al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Il Kenya ha ottenuto il seggio nel Consiglio di sicurezza dell’ONU per l’Africa dopo aver ottenuto 129 voti contro i 62 voti di Gibuti al secondo turno di votazioni.

Nel primo turno di votazioni, il Kenya ha ottenuto 113 voti contro i 78 di Gibuti, pari a 192 su 193 Stati membri.

Il Venezuela non ha potuto votare perché è ancora in arretrato con l’adesione all’ONU. Tuttavia, secondo il regolamento dell’Assemblea generale, i Paesi che cercano un seggio non permanente nel Consiglio di sicurezza dell’ONU devono ottenere almeno i due terzi dei voti per vincere – in questo caso il Kenya ha avuto bisogno di almeno 128 voti.

L’India, il Messico, l’Irlanda e la Norvegia sono stati eletti mercoledì scorso.

La vittoria, dopo mesi di pressioni, significa che Nairobi può, dal gennaio 2021, tornare all’organo più potente dell’Onu dopo 23 anni.

Il Kenya sarà parte del processo decisionale chiave per la pace e la sicurezza globale. Alcune delle decisioni possono includere sanzioni, l’autorizzazione all’uso della forza per preservare la pace e l’elezione dei giudici della Corte internazionale di giustizia.

Lavorando a fianco dei cinque membri permanenti con poteri di veto (Russia, Regno Unito, Stati Uniti, Cina e Francia), il Kenya si unirà ad altri nove membri non permanenti e potrebbe avere la possibilità di presiedere le sedute del Consiglio, un’opportunità importante per influenzare l’agenda.

La vittoria del Kenya serve anche ad assicurare al mondo la legittimità dell’Unione Africana (UA) nell’appoggiare i candidati degli Stati membri ad “agire in suo nome”.

L’Ua aveva appoggiato il Kenya per il seggio, ma Gibuti ha respinto questa decisione e ha proseguito con campagne parallele per l’unico seggio assegnato all’Africa.

La votazione di quest’anno è stata storica, avvenuta nel bel mezzo di una pandemia. I delegati che rappresentavano 192 Paesi membri, a cui era richiesto di indossare maschere facciali, sono stati chiamati uno per uno a votare.

Inoltre, quest’anno, non c’è stata nessuna sessione plenaria durante la votazione – parte delle regole fatte per ridurre gli incontri pubblici come misura per prevenire la diffusione del coronavirus Covid-19.

Il presidente del Kenya, Uhuru Kenyatta, ha definito la vittoria “una dimostrazione del crescente profilo e della crescente influenza del Paese nella comunità delle nazioni come un partner di sviluppo solido e affidabile”.

In una dichiarazione alle agenzie di stampa, ha ringraziato l’Unione Africana per aver appoggiato Nairobi e per averle dato la possibilità di contendersi il seggio.

Ha anche ringraziato Gibuti per essere stato un degno avversario. Il presidente Kenyatta ha detto che il Kenya “darà voce alla posizione dell’Africa nel Consiglio di sicurezza”.

Il presidente del Gibuti Ismail Omar Guelleh si è congratulato con il Kenya per la vittoria. Ha detto che spera che Nairobi porterà “un dibattito prezioso” al Consiglio.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Nigeria

Nigeria, nuovi incentivi per le rinnovabili

La Nigerian Electricity Regulatory Commissione (NERC) ha approvato nuove norme volte a promuovere gli investimenti nelle fonti di energia rinnovabili. Il governo mira ad un minimo di 2.000 MW di

Africa Sub Sahariana

Obama in Kenya, sono venuto a cercare il mio certificato di nascita

Durante la sua visita in Kenya, il presidente americano scherza sulla sua origine africana, durante la cena di gala.    

Economia

La fine del miracolo economico Africano?

Negli ultimi mesi la cronaca ha raccontato di un continente africano in difficoltà,  Imfatti la crescita economica è stata tra le più basse degli ultimi anni e sono riemersi vecchi