Tanzania, iniziati i negoziati per riduzione del debito per sostenere l’economia

Tanzania, iniziati i negoziati per riduzione del debito per sostenere l’economia

L’iniziativa è orientata a ritardare i ripagamenti del debito a partire da maggio fino a dicembre 2020, liberando liquidità per i governi da utilizzare per misure volte ad alleviare l’impatto economico di COVID-19.

“Le 20 nazioni più ricche del mondo (G-20) hanno esortato i funzionari dei creditori bilaterali a fornire una riduzione del debito alle nazioni più povere del mondo, tra cui la Tanzania”, ha detto Philip Mpango in parlamento.”Il governo ha iniziato i negoziati con i creditori per beneficiare di questa iniziativa”.

L’annuncio arriva dopo che il Fondo Monetario Internazionale mercoledì ha detto di aver approvato la cancellazione del debito della Tanzania per un valore di 14,3 milioni di dollari nei prossimi quattro mesi, e potenzialmente fino a 25,7 milioni di dollari nei prossimi 23 mesi.

“L’alleggerimento del servizio del debito del FMI contribuirà a liberare risorse per le esigenze sanitarie del settore pubblico e per altre spese di emergenza, oltre a mitigare lo shock della bilancia dei pagamenti derivante dalla pandemia”, ha detto.

Il vicino Kenya ha detto che non chiederà la cancellazione del debito nell’ambito del piano del G-20 perché i termini sono troppo restrittivi e potrebbero influire sul rating del credito del Kenya.

Giovedì scorso, Mpango ha detto che la Tanzania si aspetta che la sua economia cresca del 5,5% nel 2020 rispetto ad una precedente stima del 4%, dopo che il governo ha preso provvedimenti per mitigare l’impatto economico del coronavirus, una prospettiva molto più rosea rispetto alla proiezione della Banca Mondiale del 2,5%.

“Questo è dovuto alle piogge che hanno rovinato le infrastrutture di trasporto nel Paese e all’impatto di COVID-19 che ha colpito molti Paesi che sono nostri partner commerciali”, ha detto.

In quello che è l’ultimo bilancio per questo Parlamento prima delle elezioni generali di ottobre, la Tanzania prevede di spendere 34,88 trilioni di scellini tanzanianiani (15,09 miliardi di dollari) per l’anno fiscale 2020/21, rispetto ai 33,11 trilioni di scellini dell’anno precedente, ha detto Mpango.

Il ministro delle Finanze ha detto al Parlamento che il rapporto tra debito pubblico totale e PIL è pari al 27,1%, mentre il debito pubblico esterno al PIL è pari al 16,3%.

La Tanzania prevede di prendere in prestito un totale di 7,94 trilioni di scellini dai mercati nazionali e internazionali per il prossimo anno fiscale, ha detto Mpango.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 541 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Kenya: i ricavi delle esportazioni orticole sono aumentati nel 2020 nonostante il coronavirus

In Kenya, il settore orticolo è stato resiliente nel 2020. Mentre all’inizio dell’anno c’erano timori sull’andamento del settore a causa del coronavirus, il bilancio alla fine dell’anno rimane soddisfacente. Secondo

Economia

Tanzania: iniziata la costruzione del maga porto di bagamoyo

La Tanzania ha cominciato a costruire quello che diventerà il più grande porto dell’Africa orientale, nella località costiera di Bagamoyo. Il nuovo porto avrà capacità doppia di quella di Dar

Africa Orientale

Etiopia: inaugurata la diga Gibe III, la più alta al mondo in RCC

Inaugurata in Etiopia GIBE III, la più importante diga nel Paese, con una capacità installata di 1870 MW e la più grande al mondo del suo tipo. Realizzata da Salini