Uganda, Total pronta a diventare leader grazie ai progetti petroliferi del Lago Albert

Uganda, Total pronta a diventare leader grazie ai progetti petroliferi del Lago Albert

La Total Total dominerà il settore petrolifero dell’Uganda grazie alla  proprietà del 66,66% dei progetti petroliferi del Lago Albert. Si prevede che entrino in produzione nel 2022/2023, con la China National Offshore Oil Company (CNOOC) che mantiene un terzo della joint venture, che in precedenza prevedeva anche la partecipazione della Tullow Oil.

La fortuna di Total è stata puntellata dall’annuncio della CNOOC della scorsa settimana che non eserciterà i suoi diritti di prelazione relativamente all’accordo con cui Tullow venderà i suoi beni a Total. L’accordo dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno.

“La CNOOC Uganda Ltd ha informato sia Tullow che Total che non esercita il diritto di prelazione relativamente alla vendita deigli asset di Tullow in Uganda a Total”, ha dichiarato Tullow il 28 maggio.

Questa notizia segue l’annuncio del 23 aprile che Tullow ha acconsentito alla vendita di tutti i suoi asset in Uganda a Total per 575 milioni di dollari, previo consenso della CNOOC. Come da accordo di partenariato tra i tre attori dei progetti petroliferi di Lake Albert in Uganda, la CNOOC “aveva il diritto di prelazione per l’acquisto del 50% di questi asset alle stesse condizioni della Total”.
Non è chiaro perché la CNOOC non abbia optato per la prelazione, con fonti presso l’ufficio di Kampala dell’azienda che dicono che “la decisione è stata presa a livello di sede centrale”. “Siamo anche in attesa che la sede centrale ci aggiorni su questa decisione”, hanno aggiunto.

La fase rimanente dell’operazione prevede l’approvazione prima degli azionisti della società e poi delle agenzie governative competenti dell’Uganda – che in precedenza si è dimostrata il maggiore ostacolo alla cessione. L’approvazione degli azionisti è certa, considerando che durante l’assemblea generale annuale della società tenutasi il mese scorso, lo stesso giorno in cui Tullow ha annunciato il suo accordo con Total, il presidente esecutivo di Tullow, Dorothy Thompson, ha affermato che le sfide del settore e la situazione del debito dell’azienda hanno dettato la vendita delle sue attività in Uganda.

“Sono molto soddisfatta dei progressi materiali che Tullow ha fatto nel primo trimestre di quest’anno, viste le sfide che il gruppo deve affrontare dopo la nostra performance nel 2019, la pandemia Covid-19 e recenti prezzi del petrolio. “La scorsa settimana abbiamo annunciato due importanti pietre miliari con l’accordo di vendere i nostri interessi ugandesi a Total per 575 milioni di dollari in contanti e la nomina del nostro nuovo CEO, Rahul Dhir. La vendita delle nostre attività in Uganda è un eccellente primo passo pre raggiungere il nostro obiettivo di raccogliere oltre 1 miliardo di dollari di proventi per ridurre il debito netto, rafforzare il bilancio e garantire una struttura del capitale più conservativa”, ha detto la signora Thompson.

Eppure questo valore di vendita rappresenta un ribasso rispetto ad un precedenteaccordo che Tullow aveva raggiunto con Total e CNOOC nel 2017 per vendere solo una parte dei suoi asset per 900 milioni di dollari, e che avrebbe visto la società rimanere nelal JV con una partecipazione dell’11,76%. L’accordo è saltato dopo l’interruzione dei colloqui tra le compagnie petrolifere e l’organo fiscale del governo ugandese per l’accertamento dell’imposta sulle plusvalenze che Tullow avrebbe dovuto pagare dalla vendita del 21,57% dei suoi beni nel progetto Lake Albert.

Con l’approvazione degli azionisti assicurata, l’ostacolo più grande per Tullow è sono ora le altre approvazioni dall’ente fiscale ugandese, un’ente con la quale la compagnia petrolifera ha avuto un contenzioso relativamente alle imposta sulle plusvalenze per l’azienda agricola fino a Total e CNOOC.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 537 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Guinea

La difficile arte di assicurarsi l’influenza in Africa

I leader di tutto il mondo devono affrontare regolarmente con minacce per la loro sicurezza personale. Per i leader di molti paesi africani, fronteggiare queste minacce può essere uno sforzo

Africa Sub Sahariana

Gli Stati Uniti sono preoccupati che la Cina sia diventata la migliore amica dell’Africa: cosa sta facendo Trump?

In una recente intervista alla BBC, Tibor Nagy, il sottosegretario di Stato americano per gli affari africani, ha commentato: “Da troppo tempo, quando gli investitori hanno bussato alla porta, e

Africa Occidentale

Che cosa porterà il 2016 all’Africa

La narrativa di un continente in crescita è stata bruscamente scossa negli ultimi tempi, con il calo dei prezzi del petrolio e delle materie prime che hanno danneggiando molte delle maggiori