Tanzania, la banca mondiale mette in guardia contro l’eccessiva dipendenza dalla Cina

Tanzania, la banca mondiale mette in guardia contro l’eccessiva dipendenza dalla Cina

La recente dichiarazione di un alto funzionario del governo che la Tanzania otterrebbe la parte del leone di un fondo cinese di 20 Miliardi di dollari per aiutare l’industrializzazione dei i paesi africani è solo l’ultimo segnale del forte legame fra i due paesi.

Tuttavia, secondo la Banca Mondiale, i crescenti legami economici tra la Tanzania e la Cina potrebbero essere minacciati dalla crescita vacillante di Pechino.

La Cina è uno dei maggiori partner commerciali della Tanzania ed una sempre più importante fonte di fondi per lo sviluppo e gli investimenti diretti esteri nel paese. Nel 2014, il valore del commercio sino-tanzaniano è salito a circa 2,6 miliardi di $ dai livelli trascurabili nel 2000.

Attualmente, il paese sta attuando la fase uno del suo programma di sviluppo economico, lanciato nel 2011, dal titolo Unleashing Tanzania Growth Potential.

Il segretario permanente presso il Ministero dell’Industria, del Commercio e degli Investimenti Adelhelm Meru, ha detto che la Tanzania sta approfittando della crescita del valore dell’industrializzazione cinese. “Entro il 2020, il settore industriale contribuirà al 15 per cento del PIL del paese”, ha detto.

Nel suo aggiornamento economica sulla Tanzania dal titolo ” The Road Less Travelled: Unleashing Public-Private Partnerships in Tanzania”  la Banca Mondiale osserva che negli ultimi anni, l’economia cinese sta rallentando, orientandosi verso un modello orientato ai consumi interni e ai servizi. Questo, afferma il rapporto, rappresenta un segnale di allarme per l’economia della Tanzania, i cui legami con Pechino sono recentemente cresciuti.

Negli ultimi dieci anni, la crescita senza precedenti in Cina è stata trainata principalmente da un boom degli investimenti che ha portato alla crescente domanda di materie prime. La Banca Mondiale dice che la crescita vacillante della Cina può avere notevole effetti a catena sull’economia della Tanzania a causa di un rallentamento delle esportazioni. Un rallentamento più marcato del previsto in Cina potrebbe ripercuotersi nell’economia della Tanzania sia attraverso investimenti diretti e indiretti.

La Cina ha contribuito per oltre il 10 per cento del valore totale delle esportazioni della Tanzania ed è stata la terza maggiore destinazione delle esportazioni dopo l’India e il Sud Africa.

Sorgente: World Bank warns Tanzania against over-reliance on China

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 612 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Rwanda, Tanzania i nuovi accordi intensificano i legami

Il Ruanda e la Tanzania hanno fatto un passo avanti verso una maggiore armonizzazione del loro modo di lavorare insieme dopo l’incontro tra il presidente Samia Suluhu e il suo

Africa Orientale

Africa, la maturità del settore Telecomunicazioni

Con la maturazione del settore delle telecomunicazioni cellulari, molti fornitori africani stanno cominciando ad offrire nuovi prodotti, con il focus che si e’ spostato dall’acquisizione di nuovi clienti, verso l’aumento

Africa del Sud

Africa, il miracolo della crescita dell’Agricoltura

La rivoluzione verde del dopoguerra che ha trasformato l’Asia sembrava aver bypassato l’Africa. Ma tra il 2000 e il 2014 la produzione di grano è triplicata in paesi come l’Etiopia,