Juba salverà il sogno dell’oleodotto keniota?

Juba salverà il sogno dell’oleodotto keniota?

Il Sud Sudan deve ancora prendere una decisione sul percorso preferenziale per il trasporto del suo petrolio, in quanto si attendono gli esiti dei colloqui con il Sudan per i costi di transito.

Juba è l’ultima speranza del Kenya di avere un partner per l’oleodotto, a seguito della recente decisione dell’Uganda di trasferire il petrolio  attraverso il porto Tanga in Tanzania. Il successo dell’oleodotto del Kenya è stato inizialmente vincolato sul volume del transito di petrolio dai giacimenti del Kenia e dell’Uganda.

l’EastAfrican ha appreso che il Sud Sudan non sta supportando l’accordo per un oleodotto attraverso il Kenya, scegliendo invece una soluzione più sicura, ma attende due relazioni dal comitato tecnico per la decisione finale.

Uno dei comitati si è formato con il Sudan all’inizio di quest’anno per valutare i  costi di transito.

Stephen Dau, ministro del Commercio del Sud Sudan,ha dichiarato che era a conoscenza della proposta del Kenya per la rotta nord, dato che sono stati partner per il progetto del Lamu Port Sud Sudan-Ethiopia Transport (Lapsset) corridor , ma non aveva ancora ricevuto alcuna comunicazione ufficiale sul progetto sia dal Kenya o dall’Uganda dopo i recenti sviluppi.

Prima dei colloqui sul possibile tracciato, abbiamo supportato un progetto congiunto col Kenya e l’Uganda, ma, una volta che percorsi alternativi si sono prospettati, abbiamo deciso di lasciare il Kenya e Uganda negoziare liberamente per poi aderire in seguito. Una volta che avremo una proposta, i nostri tecnici si incontreranno e per valutare quale sarà il trattato idoneo “, ha detto Dau.

Alla fine di gennaio, il Sudan ha offerto di tagliare i diritti di transito per il Sud Sudan, a cui ha fatto seguito un incontro tra i due paesi nel mese di febbraio.

Mr Dau ha detto che le trattative erano in corso con il suo omologo sudanese, Mohammed Awad Zayed per avere diritti di transito variabili, legati ai prezzi del greggio a livello globale.

“I nuovi diritti sarebbero stati concordati da un team di tecnici in meno di un mese, e ci aspettiamo che ormai, i tecnici stiano ultimando la loro discussione “, ha detto Mr Awad a Reuters.

Le nuove tariffe di transito potrebbero essere fisse al di sotto dei $ 18 per barile, salvo quotazioni del greggio più alte.

Juba e Khartoum hanno avuto dispute corso degli anni per i diritti di transito che hanno portano a interruzioni nel flusso del greggio ai mercati. Attualmente, sta pagando 24 $ al barile per il transito attraverso Sudan.

“Il problema con Khartoum è diverso. Possiamo ancora negoziare con loro sui costi di transito, perché credo che abbiamo abbastanza petrolio per il transito sia attraverso il Sudan e che ilKenya, se verra presentata una proposta bancabili “, ha detto il signor Dau.

Gabriel Garang Mayik, un economista basato a Juba, ha detto che il Sud Sudan non ha a disposizione  fondi per finanziare un nuovo oleodotto, quindi dovrebbe evitare qualsiasi discussione per la costruzione di una nuova opera.

“Il governo del Sud Sudan è stato colpita duramente dalla bassi prezzi del petrolio. Nel 2012, quando ha proposto la costruzione dell’oleodotto, il prezzo del greggio erano a un livello più alto e il governo è stato sostenuto da questa fiducia, che avevano persuaso un finanziere con un accordo di revenue sharing. Non hanno questo vantaggio adesso, devono pertanto individuare un modello meno costoso con il loro petrolio “, ha detto il signor Mayik.

Il segretario dell’Energia e Petrolio del Kenia, Charles Keter insiste che non è la fine del progetto per Nairobi sulla decisione  dell’Uganda di collaborare con la Tanzania per l’oleodotto.

Il Kenya avrà bisogno di 2,5 miliardi di $ per fare il gasdotto, ed il governo prevede di contribuire al  dieci per cento del costo.

“Noi ora dobbiamo fare il necessario per identificare il tracciato di questo oleodotto, e affrontare la questione finanziaria. Stiamo ottenendo soltanto il 20 per cento del finanziamento di questo progetto dall’erario. Ciò significa che la differenza dovrà essere finanziata nell’ambito del pubblico partenariato pubblico-privato “, ha detto Keter.

L’analista del petrolio e gas Kibambe Musa ha detto che la costruzione dell’oleodotto del Kenia è in dubbio se si tratta di trasportare il petrolio keniota.

“Nei progetti petroliferi, i numeri sono la chiave e questo è uno ostacolo che il Kenya dovrà  superare per costruire con successo una oleodotto commerciale. Quando si guardano ai numeri del Kenya, non ha altra scelta se non convincere che il Sud Sudan ha da guadagnare attraverso il percorso attraverso Kenya. offrendo la  tariffa migliore, essendo l’industria petrolifera molto sensibile ai margini “, ha detto il dottor Musa.

Sorgente: Will Juba salvage Kenya’s pipeline dream? – News

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 537 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Occidentale

Africa: Acquacoltura, un settore in forte espansione

Anche per il settore della produzione di pesci in allevamento l’Africa è il mercato più interessante dei prossimi decenni e in questi mesi di pandemia, nonostante le difficoltà, è emersa

Africa Occidentale

Il potenziale dell’Africa viene sottovalutato

L’apparente fine del super-ciclo delle materie prime ha avuto ripercussioni su tutta l’economia globale. Ha scatenato turbolenze nei mercati azionari mondiali, messo pressione sulle valute, e alimentato preoccupazioni circa le

Energia

Uganda, Tanzania, finalizzato il nuovo oleodotto

Uganda ha dichiarato che i diritti di transito del suo petrolio greggio attraverso il nuovo oleodotto attraverso la Tanzania sarà limitato a $ 12,20 massimi al barile, anche se i due paesi  avevano