La Cina ha prestato all’Africa molto meno di quanto si immagina

La Cina ha prestato all’Africa molto meno di quanto si immagina

I prestiti cinesi verso l’Africa generano frenetici dibattiti, alcuni dicono che rafforzano dittatori, altri che stimolano lo sviluppo. Le cifre riportate sono spesso enormi. Per esempio, la visita in Sudafrica nel mese di dicembre di Xi Jinping, il presidente cinese, ha promesso 60 miliardi di dollari in finanziamenti per l’Africa, per lo più sotto forma di prestiti e crediti all’esportazione.

Ma i ricercatori su iniziativa Cina-Africa Research (CARI), con sede presso la Johns Hopkins University in America mettono in guardia da queste dichiarazioni. Dal 2007 hanno cercato di tracciare i prestiti all’africa delle banche di stato cinesi, notoriamente opache I loro risultati suggeriscono che la Cina presta all’Africa molto meno di quanto comunemente riportato.

I ricercatori hanno tenacemente seguito 1.223 segnalazioni di prestiti cinesi, alla ricerca di prove come l’inizio dei lavori o un annuncio ufficiale su qualche sito. Essi hanno scoperto che solo il 56% dei prestiti annunciati effettivamente si materializzata. Nel 2011 Fitch, un’agenzia di rating, ha riferito che nel decennio precedente la China Export-Import Bank aveva prestato più della Banca mondiale all’Africa sub-sahariana. La squadra CARI mostra che la Banca Mondiale è stato il più grande creditore negli ultimi dieci anni eccetto in due, anche se il prestito cinese sta recuperando terreno (vedi tabella).grafico

Ci sono altre sorprese, molti osservatori della Cina parlano di un “modello di Angola” per i prestiti, basso interesse, utilizzando materie prime come garanzia. L’Angola, ricca di petrolio, ha infatti ricevuto più prestiti dalla Cina rispetto a qualsiasi altro paese africano: essa rappresenta un quarto degli 86,9 miliardi prestati ai governi africani e aziende statali tra il 2000 e il 2014. Ma in tutto il continente solo circa un terzo dei prestiti cinesi sono stati legati alle risorse naturali, dice Deborah Brautigam, che ha guidato il progetto di ricerca. Il secondo maggiore beneficiario dei prestiti cinesi è stato l’Etiopia, paese povero di risorse naturali, ma che a quanto sembra stato un buon investimento, con modello sviluppo simile a quello cinese.

Sorgente: Credit limit | The Economist

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Tanzania: Il FMI certifica la sostenibilità del debito pubblico

Il debito nazionale è sostenibile, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha detto, sollecitando il governo del presidente John Magufuli a valutare l’emissione di nuove garanzie per prestiti, tanto a condizioni agevolate

Africa del Sud

Africa: 2020 un anno perso per le relazioni con la UE

C’era un senso di ottimismo sul rapporto dell’Unione Europea con il continente africano nel marzo 2020 quando il commissario allo sviluppo dell’UE Jutta Urpilainen e l’alto rappresentante dell’UE Josep Borrell

Economia

Nairobi, Dar Es Salaam e le promesse del settore retail

Kenya e Tanzania sono tra 10 paesi con il più alto potenziale di crescita per le vendite al dettaglio in Africa sub-sahariana, ma la mancanza di materie prime per l’industria manifatturiera