Uganda, Tanzania, finalizzato il nuovo oleodotto

Uganda, Tanzania, finalizzato il nuovo oleodotto

Uganda ha dichiarato che i diritti di transito del suo petrolio greggio attraverso il nuovo oleodotto attraverso la Tanzania sarà limitato a $ 12,20 massimi al barile, anche se i due paesi  avevano ancora stabilire l’ammontare del prelievo finale, per un progetto che potrebbe diventare un partenariato pubblico-privato.

L’Uganda, paese senza sbocco al mare, aveva dichiarato la scorsa settimana che ha scelto il tracciato  attraverso la Tanzania fino al porto di Tanga per l’oleodotto, respingendo le proposte del Kenya, con il quale aveva in precedenza concordato di far passare l’oleodotto.

Uganda e Kenya hanno confermato le riserve di greggio e la possibilità di ulteriori importanti scoperte di greggio, e le compagnie petrolifere di entrambi i paesi erano in attesa di un accordo finale per poter prendere le decisioni di investimento finali.

Il Kenya, che ha riserve nel bacino Lokichar nel nord-ovest del paese, aveva spinto per il tracciato che collegava i giacimenti dei due paesi e il porto di Lamu, ricevendo importanti diritti di transito, e  potenzialmente, riducendo il costo di esportazione del petrolio.

Il Ministro dell’energia e dello sviluppo dei Minerali dell’Uganda Irene Muloni ha dichiarato a Reuters che l’oleodotto sarà dovuto pronto entro il 2020.

Quando è stato chiesto quali sono state considerazioni chiave che hanno spinto l’Uganda a scegliere la Tanzania, Muloni ha detto che sono stati un “costo del progetto di $ 3.55 miliardi di dollari e diritti di transito non superiori a 12,2 $ al barile … queste sono state le considerazioni.”

La Società Petrolifera francese Total che aveva supportato il percorso attraverso la Tanzania, ha detto che è disposta a finanziare il progetto, ma non ha precisato se voglia anche possederlo, in tutto o in parte.

I giacimenti della Total in Uganda sono vicino a quelli  della Cina CNOOC e  a quelli della Tullow Oil, quotata alla borsa di londra.

“E probabile che vi sarà un PPP (partenariato pubblico-privato)”, ha detto Muloni in una intervista telefonica, facendo riferimento alla proprietà del gasdotto.

Nel mese di marzo, la presidenza della Tanzania ha detto che Total aveva stanziato $ 4 miliardi per costruire il gasdotto e che la Tanzania ha chiesto che il tempo di realizzazione dell’opera venga ridotto.

Emma Gordon, analista senior per la Verisk Maplecroft, ha detto che la Tanzania ha offerto incentivi all’Uganda tra cui la promessa di rinunciare alle tasse di transito per un periodo iniziale pur di garantirsi il progetto. Muloni non ha confermato la promessa della rinuncia ai diritti di transito, ma un giorno prima che venisse annunciata la decisione del gasdotto, ha dichiarato che la Tanzania aveva accettato di acquistare una quota dell’otto percento della prevista raffineria in da svilupparsi in Uganda, una mossa vista come strumentale alla chiusura dell’accordo per l’oleodotto.

Sorgente: Uganda says Tanzania transit fees for oil capped at $12.20/barrel

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Rwanda

Rwanda, Burundi: i due paesi mobiliteranno 190 milioni di dollari per la diga di Akanyaru

Il progetto di costruzione della diga multiuso di Akanyaru richiederà un investimento di 190 milioni di dollari. Lo hanno annunciato le autorità burundesi e ruandesi in occasione della celebrazione del

Sud Africa

Sud Africa, brillano gli investimenti nelle rinnovabili

Un programma per gli investimenti che sta rendendo il Sudafrica la prima destinazione per gli investimenti nell energie rinnovabili in tutto il continente e nel  Medio Oriente non solo sta risolvendo la

Africa Orientale

Cotonou 2.0: Un cattivo accordo commerciale per l’Africa?

Il nuovo accordo di partenariato UE-OACPS ha solo poche settimane, ma già molti in Africa chiedono un aggiornamento. Quali sono le ragioni dell’insoddisfazione? I trattati internazionali sono già abbastanza complicati