Nigeria, Panda Bond per finanziare il budget 2016

Nigeria, Panda Bond per finanziare il budget 2016

La Nigeria sta valutando la vendita di obbligazioni Panda cinesi per aiutare a finanziare un budget record, volto a rilanciare la più grande economia dell’Africa, economia che sta soffrendo dal crollo dei prezzi del petrolio, come dichiarato la scorsa settimana dal ministro delle Finanze Kemi Adeosun .

Il paese, primo produttore di petrolio in Africa, e membro dell’OPEC, potrebbe anche attingere alle riserve accantonate per progetti di energia per contribuire a finanziare il bilancio 2016 se le entrate fiscali dovessero risultare più basse delle previsioni.

“Inizialmente stavamo guardando semplicemente al mercato degli Eurobond, ma poi abbiamo iniziato ad esplorare le opportunità nel mercato del renminbi, per cui vi è la possibilità che potremmo emettere un Panda Bond”, ha detto il ministro

La Cina ha introdotto sul mercato le obbligazioni Panda, obbligazioni denominate in yuan venduti da soggetti esteri in Cina fin dal 2005, ma solo una manciata di soggetti esteri hanno venduto obbligazioni in Cina. HSBC (HSBA.L) e Bank of China (Hong Kong) Ltd sono fra queste.

Adeosun si è rifiutata di indicare una cifra per la possibile emissione, ha solo dichiarato che inizialmente volevamo emettere eurobond per un miliardo di dollari, pertanto potremmo dividere questo importo fra Yuan e Eurobond.

Stiamo guardando al prezzo finale, al momento il prezzo per i panda bond è un po più basso, 1.5 più basso.

Riguarda alla tempistica, Adeosun ha detto che l’obiettivo è stato sempre quello di essere sul mercato all’inizio del Q3. In seguito, ha detto in una conferenza stampa la Nigeria può anche vendere le obbligazioni giapponesi Samurai.

Adeosun ha detto che il governo potrebbe utilizzare il denaro accantonato per il finanziamento di progetti di investimento in joint-venture con le imprese petrolifere. La Nigeria ha in programma di aumentare il reddito di imposta del 33 per cento nel 2016 per compensare un crollo dei ricavi del petrolio.

Se le entrate non saranno sufficienti, abbiamo 1 trilione (naira) nel bilancio per interventi cash, ha detto.

Gli interventi in contanti sono gli obblighi del governo per i progetti in joint venture tra la compagnia petrolifera di stato NNPC e compagnie petrolifere, straniere e locali. La Nigeria è in ritardo nei pagamenti, ritardi che hanno minato la capacita di aumentare la produzione di petrolio.

La Nigeria ha in precedenza chiesto prestiti alle compagnie petrolifere quando non è stata in grado di adempiere ai propri obblighi sugli interventi in contanti.

La Nigeria secondo Adeosun, dovrebbe registrare deficit di bilancio per i prossimi due o tre anni. Nel 2016, il deficit è previsto a 2,2 miliardi di naira ($ 11,6 miliardi), poco meno dei  precedentemente indicato 3 miliardi di naira.

Il presidente Muhammadu Buhari non ha ancora firmato la finanziaria 2016 a causa di contrasti con il Parlamento.

Sorgente: Nigeria may issue Chinese Panda bonds to help fund 2016 budget

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Kenya, introduzione del pedaggio autostradale per finanziare infrastrutture

Il governo ha difeso il piano di introdurre i pedaggi sulle principali autostrade, sostenendo che le risorse attuali non sono sufficienti per la manutenzione delle strade e l’espansione. Il Segretario

Economia

Il Rwanda recluta Tidjane Thiam per lanciare l’International Financial Center

L’ex capo del Credit Suisse è stato appena nominato Presidente del Consiglio di Amministrazione di Rwanda Finance Limited, l’agenzia governativa responsabile dello sviluppo e della promozione del Kigali International Financial

Africa Orientale

Kenya Vision 2030: mega progetti in fase avanzata, ma la crescita resta sotto le aspettative

L’ambizione del Kenya di diventare un’economia a medio reddito con un reddito pro capite compreso tra $ 1.045 e $ 12.736 è in dubbio, con il governo si sforza di