Gabon, 200 Milioni di dollari per un nuovo porto e autostrade

Gabon, 200 Milioni di dollari per un nuovo porto e autostrade

Il Gabon ha firmato accordi con la Banca per lo Sviluppo degli Stati dell’Africa centrale (BDEAC) finanziare due grandi progetti infrastrutturali per un totale di più di 200 milioni di $.

Gli accordi, per 51,6 miliardi di franchi CFA (86 milioni di dollari) per la costruzione di un porto a Owendo, vicino alla capitale, di proprietà congiunta con la società quotata di Singapore Olam International ed il governo.

“Questo porto deve affermarsi come uno dei principali player nel settore primario del Gabon”, si legge la dichiarazione della Presidenza, “e  migliorerà la competitività del Paese.”

Il porto dovrebbe essere operativo nel secondo trimestre del 2016.

Un secondo accordo di finanziamento per per ulteriori 75,6 miliardi di franchi CFA (126 milioni di dollari) e’ stato concesso per la realizzazione di un importante progetto autostradale che collega Libreville con le città nel resto del paese, e dovrebbe essere completata verso la fine del 2016.

Il capo del FMI Christine Lagarde, durante la sia visita in Camerun la settimana scorsa, ha esortato i sei paesi del blocco CEMAC, che comprende il Gabon, a migliorare il commercio intra-regionale, che attualmente si attesta al 5 per cento del commercio formale fra i paesi del blocco.

La carenza di infrastrutture è tradizionalmente uno dei principali ostacoli al commercio regionale e attualmente solo due delle sei capitali del blocco sono collegati da un collegamento autostradale.

 

Fonte: The African Report

 

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali

La crescente domanda di centri commerciali, uno più lussuoso dell’altro, appare come un u ulteriore segno della crescita della classe media in Africa. L’aumento del potere d’acquisto e un boom nel

Africa Orientale

Kenia: Gli arrivi nel mese di agosto diminuiscono del 91%

Gli arrivi internazionali sono diminuiti del 91,2% il mese scorso rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, evidenziando gli effetti negativi del coronavirus sul settore turistico. Il Kenya ha ricevuto 14.049

Sudan

La crescita delle famiglie a medio reddito in Africa

Il forte aumento del reddito delle famiglie in molte delle economie chiave dell’Africa ha permesso la formazione e il rafforzamento di una classe media molto consistente. Gli analisti del Gruppo Standard