Elettricità prepagata, una rivoluzione per il solare in Africa?

Elettricità prepagata, una rivoluzione per il solare in Africa?

Una società sta cercando di portare la corrente elettrica a coloro che non sono connessi alla rete elettrica, ovvero le comunità rurali africane con un innovativo sistema prepagato a consumo, “pay-as-you-go”.

La società inglese Azuri Technologies sta utilizzando la tecnologia cellulare per consentire ai clienti di acquistare l’energia solare in base ai propri consumi. Secondo la società, la penetrazione di telefonia mobile in Africa sub-sahariana è “quasi onnipresente.”

La necessità di ampliare l’accesso all’energia pulita – soprattutto nelle abitazioni – è pressante. Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia (AIE), quasi 1,3 miliardi di persone in tutto il pianeta non hanno accesso all’elettricità.

“L’idea alla base di Azuri Technologies è di raggiungere le persone a basso reddito nelle comunità rurali che non possono permettersi di acquistare direttamente un sistema di energia” ha dichiarato  Lydia Kobusinge, direttore vendite per Azuri. Kobusinge ha aggiunto che la tecnologia è quello che noi chiamiamo un sistema solare ‘pay as you go’, che aiuta gli utenti finali nelle comunità rurali ad acquistare questo sistema pagandolo a rate.

L’abbonamento entry level fornisce agli utenti con otto ore di luce al giorno proveniente da energia pulita. Gli utenti pagano una tassa di installazione una tantum per il sistema, e quindi utilizzano una ricarica prepagata, oppure il loro telefono cellulare per ricaricare il proprio sistema, con un credito acquistato su base settimanale o mensile.

Il costo varia a seconda della regione e delle dimensioni del sistema solare, ma Azuri dice che in Kenya, per esempio, gli utenti pagheranno un deposito di $ 10 ad installazione, con pagamenti settimanali tra $ 2.50- $ 3.50 a settimana per un periodo compreso tra 12 e 18 mesi; dopo che un importo tra i 130 e i 180 $ saranno pagati il sistema sara’ sbloccato e gratis per sempre.

Azuri sostiene che il prezzo base sia inferiore all’attuale spesa settimanale di cherosene per i generatori e per ricaricare la batteria del telefono cellulare. Dopo i sette giorni, o per quale altro periodo si e’ preparato la corrente, l’alimentazione si spegne automaticamente e i clienti devono ricaricare di nuovo, e una volta effettuato il pagamento finale, il sistema si sblocca e diventa di proprietà del cliente.

Azuri fa parte di un numero crescente di aziende che cercano di beneficiare della grande richiesta di elettricità per il mondo in via di sviluppo per l’energia elettrica e la massiccia diffusione della tecnologia mobile. All’inizio di quest’anno, CNBC ha parlato con M-KOPA Solar, una società con sede a Nairobi che sta sperimentando l’uso di pay as you go solare in Africa.

“Siamo convinti che abbiamo sviluppato una proposta che ha un potenziale globale ma il nostro obiettivo principale è l’Africa orientale e abbiamo iniziato qui,” Jesse Moore, co-fondatore e amministratore delegato della società, ha dichiarato..

I vantaggi per gli utenti di sistemi come M-KOPA e Azuri del possono essere considerevoli. Con la luce in più, i bambini possono fare compiti a casa e le aziende possono restare aperte più a lungo.

Sorgente: A game changer for solar?

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

RwandaAir, in arrivo due nuovi Boeing 737

Oggi, è previsto l’arrivo a Kigali della recente acquisizione della compagnia aerea di bandiera di uno dei due Boeing 737-800NG di RwandAir che hanno lasciato Seattle, Stati Uniti d’America il lunedì. Il

Economia

Africa – La nuova corsa all’oro, Hotel

Le principali catene alberghiere internazionali stanno preparando migliaia di nuove camere in Africa, desiderose di espandersi  nel continente, senza perdere l’opportunità data dalla rapida crescita. Secondo la CNN, da Lagos e

Tanzania

La Tanzania ribadisce il suo impegno a costruire 200 MW di centrali geotermiche entro il 2025

La Tanzania ha deciso di sfruttare le sue risorse di energia geotermica per aumentare la sua capacità elettrica. Il paese ha quindi istituito nel 2013 la Tanzania Geothermal Development Company