Madagascar – Scheda Paese

Madagascar – Scheda Paese

A partire dal 2009 una crisi politica e sociale ha fatto sì che il 2014 sia stato un anno decisivo per il Madagascar, con un nuovo presidente eletto, un nuovo parlamento e un nuovo governo insediato, consentendo in tal modo il paese di ricongiungersi alla comunità internazionale.

Questo progresso non è ancora stato compensato da un miglioramento del rendimento economico e sociale. La crescita è rimasta stagnante nel 2014 (3%, in leggero aumento dal 2,4% nel 2013) a causa di un piccolo miglioramento della governance, la scarsità di energia e finanziamenti esteri in ritardato, unita ad una mancanza di finanziamenti nazionali e gli investimenti privati ​​a causa di un clima economico in peggioramento.

La crescita è stata trainata (come nel 2013) principalmente dalle industrie estrattive, l’agroindustria, le banche, i trasporti, l’allevamento e la pesca. L’inflazione è stata del 6%, principalmente a causa dei prezzi dell’energia e dei beni importati. Il deficit di bilancio è stato stimato al 2% del prodotto interno lordo (PIL), in calo dal 4% nel 2013. Il disavanzo delle partite correnti si è ridotto al 2,3% del PIL (dal 5,4% nel 2013) grazie alle esportazioni e importazioni costanti. La crescita dovrebbe essere solo leggermente superiore (al 4%) nel 2015 tenuto conto del contesto elettorale, i vincoli di governance, la scarsità di energia, e le inondazioni che hanno danneggiato le coltivazioni agricole e le infrastrutture. La crescita potrebbe raggiungere il 5,1% nel 2016, contribuendo a ridurre la povertà e la disoccupazione, grazie a riforme della governance, una migliore clima imprenditoriale e prestazioni robuste dalle industrie estrattive, agroindustria, bancario, dei trasporti, del turismo, delle costruzioni, del bestiame e della pesca.

La crescita lenta negli anni della crisi, il malgoverno, un calo della forza lavoro e dei servizi sociali hanno peggiorato la situazione della maggior parte dei cittadini. L’estrema povertà superiore al 53% e le disparità regionali acute, mettono a repentaglio gli sforzi per la costruzione della stabilità e il raggiungimento  della riconciliazione nazionale. Il programma di riduzione della povertà e rilancio dello sviluppo –  attraverso le politiche del governo,il  national development plan (PND) e i progressi verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) e colloqui in agenda post-2015 – aiuteranno le nuove autorità ad affrontare queste sfide e mettere il paese su un percorso di sviluppo più ampio e più sostenibile.

La geografia economica del Madagascar comprende sia un divario urbano-rurale e disparità regionali, il che significa minori opportunità economiche, infrastrutture economiche e l’accesso ai servizi sociali di base, con il conseguente rischio di tensioni spaziale tra le aree urbane e il resto del paese. Le politiche del governo incentrati sullo sviluppo regionale, uso del suolo e il decentramento sono state adottate o sono in corso di elaborazione. La loro attuazione dovrebbe ridurre gradualmente tali rischi.

Per quanto riguarda l’interscambio con l’Italia, l’Italia ha esportato nel 2014 merci per 14,105 milioni di Euro, mentre ha importato merci per 1,318 milioni. L’italia ha esportato prevalentemente macchinari e altre macchine di impiego speciale e Prodotti da forno e farinacei, mentre ha importato prodotti agricoli, e cuoio.

Link utili

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Scheda Paese

Congo Brazzaville – Scheda Paese

La crescita ha raggiunto il 6,0% nel 2014, rispetto al 3,3% nel 2013, trainata dal rimbalzo della produzione di petrolio (il 60% del prodotto interno lordo PIL) e le ottime

Scheda Paese

Etiopia – Scheda Paese

L’Etiopia – il secondo Paese più popoloso dell’Africa – è uno Stato monopartitico con un’economia pianificata. Per più di un decennio prima del 2016, il PIL è cresciuto ad un

Gabon

Gabon – Scheda Paese

L’economia è cresciuta del 5,1% nel 2014, leggermente inferiore rispetto all’anno precedente (5,6%) e al di sotto del previsto 6,7%.  Le prospettive rimangono buone, con proiezioni di crescita del 4,6%