Kenya, presto una centrale nucleare made in China

Kenya, presto una centrale nucleare made in China

La Cina è un passo avanti verso l’esportazione della sua prima centrale nucleare progettata e sviluppata in Cina, dopo che la società’ di stato, Cina General Nuclear Power Corp. ha firmato un accordo con il governo del Kenya.

Il memorandum d’intesa, raggiunto il 7 settembre, copre lo sviluppo di reattori HPR1000. L’accordo rende il Kenya uno dei primi paesi al di fuori della Cina ad accettare di costruire l’HPR1000, che è anche conosciuto come il Hualong One. Il reattore è stato sviluppato da CGN e China National Nuclear Power Co., le due più grandi società di energia nucleare cinesi.

Se il progetto di costruzione avrà’ successo in Africa, l’intero processo di esportazioni di tecnologie nucleari da parte della Cina si accelererà. Questo e’ come un progetto pilota, altri paesi vedranno se le prestazioni sono buone, e altri seguiranno, ha dichiarato Steve Wong, analista di China Galaxy Intl Financial Holdings.

La Cina prevede di esportare un massimo di otto reattori nucleari di produzione nazionale entro il 2020, mentre il premier Li Keqiang ha dichiarato che al fine di esportare la tecnologia all’estero, e’ necessario poter dare una dimostrazione delle proprie capacita’.

Il Hualong One costa circa il 30 per cento in meno di un analogo reattore made in USA, mentre 67 reattori attualmente in costruzione a livello mondiale, più della metà sono in Asia, mentre la Cina sta costruendo 24 reattori, la maggior parte di questi in Cina.

Sorgente: China Step Closer to Exporting Reactors With Africa Agreement – Bloomberg Business

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uncategorized

La Tanzania dovrebbe rifiutare il trattato di libero scambio con al UE

I Membri del Parlamento hanno esortato il governo del paese a non sottoscrivere l’accordo di partenariato economico (ape) tra l’Unione europea (UE) egli Stati membri della Comunità dell’Africa orientale (EAC).

Uncategorized

Roma G7 Energia, incontro con il ministro Calenda

In Africa 600 milioni di persone vivono senza elettricita’ e la domanda di energia raddoppiera’ da qui al 2030. Di questo discuteranno domenica 9 aprile, presso il museo Maxxi di

Africa Sub Sahariana

Africa: Acquacoltura, un settore in forte espansione

Anche per il settore della produzione di pesci in allevamento l’Africa è il mercato più interessante dei prossimi decenni e in questi mesi di pandemia, nonostante le difficoltà, è emersa