Il Kenia firma un accordo sul nucleare con la Cina

Il Kenia firma un accordo sul nucleare con la Cina

Il Kenya ha firmato un accordo di cooperazione sul nucleare con la Cina, come parte dei piani della nazione africana per arrivare alla costruzione della sua prima centrale nucleare costruire una centrale nucleare entro il 2025, ha annunciato il Consiglio per L’energia Nucleare del Kenya (KNEB).

Il Kenya prevede di realizzare la sua prima centrale nucleare, con una capacità di 1000 MW entro il 2025, con la possibilità’ di alzare la capacita a 4,000MW entro il 2033, avendo definito l’energia nucleare come “una componente chiave” del futuro mix energetico del paese.

Il memorandum d’intesa, siglato in Cina, permetterà il Kenya di ottenere il supporto e il know how della Cina per la formazione e lo sviluppo delle competenze e l’assistenza tecnica in settori come la selezione dei siti per le centrali nucleari del Kenya e realizzazione di studi di fattibilità, dice la nota KNEB.

Il Kenya ha già firmato accordi di cooperazione nucleare con la Slovacchia e la Corea del Sud, dove grazie a questo accordi, oltre 10 studenti kenioti stanno studiando ingegneria nucleare in Corea del Sud.

Il Kenya negli ultimi anni ha concentrato gli sforzi per la promozione della produzione di energia da fonti rinnovabili, come la geotermica, l’energia idroelettrica ed eolica. Con una popolazione in rapida crescita, la domanda di energia sta crescendo  rapidamente, e la produzione di energia idroelettrica capacità e’ messa a repentaglio dalla siccità e della deforestazione. Le centrali geotermiche sono situati sulla Rift Valley, dove la frattura delle tettoniche attraverso attraversano l’Africa orientale.

Allo stato attuale, il Sud Africa è l’unico paese dell’Africa sub-sahariana che possiede impianti di energia nucleare.

In Kenya, attualmente, solo 3 cittadini su 10 hanno accesso all’energia elettrica, ma tale percentuale scende a 2 su 10 nelle zone rurali.

Fonte: Kenya, China sign nuclear power cooperation deal

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 538 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uganda

Africa: I prezzi del petrolio mettono a rischio i progetti petroliferi

Quando lo scorso anno i prezzi del petrolio a livello mondiale hanno cominciato a scivolare verso il basso, alcune aziende hanno sperato che il cambiamento sarebbe solo temporaneo. Hanno sostenuto che gli

Africa Orientale

Uganda, Tanzania, finalizzato il nuovo oleodotto

Uganda ha dichiarato che i diritti di transito del suo petrolio greggio attraverso il nuovo oleodotto attraverso la Tanzania sarà limitato a $ 12,20 massimi al barile, anche se i due paesi  avevano

Mali

Mali: un enorme potenziale petrolifero che potrebbe non essere mai sviluppato

Il Mali, il terzo produttore di oro dell’Africa, ha deciso nel 2017 di costruire un’industria petrolifera dinamica come quella mineraria, la sua principale fonte di valuta estera. Va notato che