Kenia in fase avanzato il piano per il nucleare

Kenia in fase avanzato il piano per il nucleare

Gli esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) hanno dichiarato ai giornalisti che il Kenya ha compiuto progressi significativi verso l’introduzione dell’energia atomica nel paese.

Il Kenya ha preparato un rapporto completo di pre-fattibilità, che considera tutte le questioni infrastrutturali, mentre il rapporto definitivo verra presentato nel mese di novembre. Secondo lo studio, l’energia nucleare dovrebbe rappresentare tra il 15 al 20 per cento di tutta la potenza prodotta dal 2030 nel paese.

Il Kenya, ha dichiarato il vice presidente del Kenya William Ruto all’inizio di quest’anno, avrà presto il primo impianto nucleare, che contribuirà a ridurre drasticamente il costo dell’energia elettrica e attrarre gli investitori internazionali verso il paese. Ruto ha ribadito che la nazione dell’Africa orientale sviluppera la centrale nucleare accanto ad altre fonti di energia tra cui geotermica, idroelettrica, eolica e solare in modo da produrre energia sufficiente per consentire una crescita dell’economia a due cifre.

Secondo l’AIEA, la concessione di licenze per una centrale nucleare potrebbe richiedere due anni, mentre la costruzione di un impianto richiede cinque anni.

Fonte: Kenya on course to tap nuclear power, says UN nuclear agency

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Sudafrica: Cyril Ramaphosa annuncia la ripresa del REIPPPP

Il più vecchio programma di costruzione di impianti di energia rinnovabile da parte di produttori privati sta per ripartire. Il presidente Cyril Ramaphosa ha posto di fatto l’energia al centro

Energia

Kenya – Uganda Pipeline, l’oleodotto riscaldato più lungo del mondo.

Toyota Tsusho, il braccio commerciale della casa automobilistica giapponese, ha dichiarato che il progetto da 4 miliardi per la costruzione dell’oleodotto che collegherà i pozzi di petrolio in Uganda e Kenia con

Somalia

Somalia, la nuova frontiera per l’Oil & Gas

L’avvio del Somali Bid Round 2020 dopo la ratifica del Petroleum Law and Resources Revenue Sharing Agreement, l’istituzione della Somali Petroleum Authority (SPA) e di un Production Sharing Agreement competitivo