Sud Africa – Piano per il nucleare da 100 Miliardi di Dollari

Sud Africa – Piano per il nucleare da 100 Miliardi di Dollari

Il futuro mix energetico del Sud Africa potrebbe prevedere una quota ancora maggiore rispetto ai previsti 9.600 megawatt (MW), in quanto mira a ridurre dipendenza da inquinanti centrali elettriche a carbone,.

L’economia più avanzata dell’Africa si trova ad affrontare una carenza di energia elettrica per le sue centrali a carbone scricchiolanti, causando interruzioni di corrente regolari che stanno danneggiando l’economia e incrinano la fiducia degli investitori. La produzione elettrica attuale si basa al 90% su centrali a carbone e il governo sta cercando alternative per mitigare le emissioni di Co2, pertanto il governo prevede di investire nelle energie rinnovabili in centrali a gas, nonché in energia nucleare per raggiungere l’obiettivo di generare 9.600 MW entro il 2030.

Gli analisti hanno stimato che il programma nucleare potrebbe costare fino a $ 100 miliardi, il che lo rende il più grande progetto mai le infrastrutture del paese, ma il progetto sta destando non poche polemiche, sopratutto quando nei mesi scorsi vi sono state insistenti voci che il contratto fosse stato assegnato alla russa Rosatom,  mentre Victor Polikarpov, Vice presidente della Rosatom ha dichiarato ” “Non so da dove provengono queste voci, Forse perché siamo stati i primi a firmare un accordo inter-governativo, accordo che era piuttosto ampio rispetto ad accordi analoghi firmati da altri Paesi”. Sul punto e’ dovuta intervenire anche il ministro dell’Energia, Tina Joemat-Pettersson, che ha dichiarato che né l’ammontare del piano di energia nucleare, né il contraente sono stati determinati.

I partiti di opposizione hanno espresso preoccupazione per i costi e che gli accordi per la costruzione di impianti nucleari possano essere fatto senza un adeguato controllo pubblico.

Ad oggi ancora non e’ dato di sapere quando il Tesoro pubblicherà le sue stime di finanziamento ma comunque il governo si e’ impegnato i primi 1.000 MW di potenza atomica possano essere commissionati entro otto anni.

Cina, Francia, Russia, Stati Uniti e Corea del Sud, così come il Giappone e il Canada, hanno tutti espresso interesse nel progetto.
 

fonte Africa may expand nuclear power to cut reliance on coal

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 538 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Sudafrica: Cyril Ramaphosa annuncia la ripresa del REIPPPP

Il più vecchio programma di costruzione di impianti di energia rinnovabile da parte di produttori privati sta per ripartire. Il presidente Cyril Ramaphosa ha posto di fatto l’energia al centro

Africa Centrale

Aga Khan: E’ arrivato Il momento dell’Africa

Sua Altezza l’Aga Khan ha esaltato la resilienza, il progresso economico e la nuova disponibilità ad accettare la diversità dell’Africa. “Quello che vediamo emergere oggi è una rinnovata fiducia in Africa

Energia

Eni: nuova organizzazione per essere leader della transizione energetica

ROMA, grazie ad una nuova organizzazione nascono due nuove Direzioni Generali, la Natural Resources, per la valorizzazione sostenibile del portafoglio upstream oil&gas, per l’efficienza energetica e la cattura della CO2