Burundi – Scheda Paese

Burundi – Scheda Paese

Dal 2010, il Burundi ha registrato una crescita media annua del 4%, nonostante le condizioni internazionali difficili, in particolare un aumento dei prezzi mondiali del carburante e cibo, che ha causato una forte pressione inflazionistica. Nel 2014, la crescita del PIL in termini reali è stato stimato al 4,7% rispetto al 4,5% nel 2013, principalmente a causa dell’agricoltura attraverso una ripresa della produzione del caffè e del settore delle costruzioni con l’implementazione di grandi progetti infrastrutturali (fibra ottica, strade, ecc.)

Grazie alla stretta della politica monetaria e il calo dei prezzi dei carburanti nella seconda metà dell’anno, l’inflazione è scesa su base annua dal 9,0% nel 2013 al 6,7% nel 2014. Una gestione prudente della politica monetaria stabilizzato il franco del Burundi nei confronti del dollaro per tutto il 2014.
L’attuazione del secondo quadro strategico per la riduzione della crescita e della povertà, adottato nel febbraio 2012, ha portato significativi progressi nello sviluppo umano. Con riferimento agli investimenti, grandi progetti nel settore dell’energia, trasporto e delle telecomunicazioni sono stati avviati e nuovi programmi sono stati presentati ai partner tecnici e finanziari del paese per il 2015-16.

Tuttavia, i diritti di proprietà’ della terra rimangono una delle principali preoccupazioni, con un’eccessiva suddivisione e degrado del territorio, il Burundi si trova ad affrontare molti problemi di governance del territorio. La domanda di terra è aggravata dal ritorno nel paese di centinaia di migliaia di rifugiati la cui terra è stata occupata. In una tale situazione, sono aumento il numero di dispute relative terra, che rappresentano da sole l’80% dei casi giudiziari, e rappresentano una potenziale fonte di instabilità socio-economico.

Con l’avvicinarsi delle elezioni del 2015, le tensioni politiche sono il principale rischio di breve termine che potrebbe portare a violenze e ostacolare il raggiungimento degli obiettivi di crescita fissati dalle autorità. Inoltre, i ritardi nell’attuazione della riforma delle gestione delle finanze pubbliche e una riduzione dello spazio di manovra del governo potrebbe scoraggiare i donatori internazionali.

Per quanto riguarda l’interscambio con l’Italia, l’Italia ha esportato nel 2014 merci per 3.421 milioni di Euro, mentre ha importato merci per 2.841 milioni. L’italia ha esportato prevalentemente Motori, generatori e trasformatori elettrici, Macchine di impiego generale, Strumenti e forniture mediche e dentistiche, Prodotti da forno e farinacei, mentre ha importato prodotti agricoli, e cuoio.

Link utili

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Scheda Paese

Uganda – Scheda Paese

Nel 2014 l’Uganda ha visto il consolidamento della stabilità macroeconomica e una graduale ripresa dell’attività economica, con una crescita del PIL reale che dovrebbe raggiungere il 5,9% nell’esercizio 2014/15 contro

Kenya

Africa Orientale, dove la realtà si scontra con l’ambizione

L’Africa orientale è stata benedetta, almeno negli ultimi dieci anni, con un livello di stabilità politica che raramente si trova nel continente africano. In mezzo a questo periodo di relativa

Scheda Paese

Kenya – Scheda Paese

Il Kenia rappresenta il baricentro manifatturiero, commerciale e finanziario della regione dell’Africa Orientale. Negli anni ottanta e novanta la sua economia e’ stata caratterizzata da andamenti erratici ed inferiori al