Kenya, Uganda e la corsa verso Juba

Kenya, Uganda e la corsa verso Juba

Le rivalita’ all’interno della East African Community non sembrano cessare, in quanto sembra che Uganda e Kenya stiano accellerando lo sviluppo del c.d. Corridoio Nord, per portare  il collegamento ferroviario fino a Juba, la capitale del Sud Sudan.

Tali piani mettono in secondo o anche terzo ordine l’estenzione del collegamento verso Kigali, lasciando il Rwanda fuori dal corridoio nord.

In realta’ sia l’Uganda che il Kenya hanno piani diversi per il Rwanda, e ritengono che collegare Kigali al corridoio centrale, passando per il Burundi e poi la Tanzania sia una ipotesi migliore, in quanto la morfologia del terreno ridurra notevolmente i costi di connessione.

Al tempo stesso, collegare Juba al corridoio nord, e quindi al porto do mombasa, renderebbe l’intero progetto economicamente piu’ vantaggioso, in quanto l’export di petrolio dal sud sudan potrebbe avvenrire attraverso la ferrovia, come prevede l’Uganda, che dovrebbe iniziare la produzione di petrolio nel 2018-20, ed appare pertanto vitale avere uno sbocco al mare efficente.

Ad oggi l’11.5% delle merci che arrivano a Mombasa sono destinate al Sudan, che segue l’Uganda come primo paese di destinazione con il 77% delle merci, mentre il Rwanda rappresenta solo il 3.9%.

 

Sorgente: Race to Juba: How Kigali was shunted aside in SGR plans – News

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 612 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Nigeria, Saipem iniziato il collaudo per l’impianto di fertilizzanti più grande del mondo del gruppo Dangote

Il progetto per un impianto di fertilizzanti da 2 miliardi di dollari del Dangote Group, che è nella fase finale di costruzione nella capitale commerciale di Lagos, dovrebbe essere pronto

Kenya

Ethiopia, la nuova frontiera del tessile, la nostra intervista con Madeleine Rosberg

Negli ultimi anni, si e’ parlato molto di produzione tessile in Ethiopia, con i major player europei che hanno iniziato a produrre nel paese, mentre le major americane stanno valutando

Economia

Africa orientale: Crescono gli investitori stranieri

Gli investimenti diretti esteri, IDE, in Africa orientale è cresciuto lo scorso anno, nonostante un calo complessivo in tutta l’Africa da $ 87 miliardi a $ il 66,5 miliardi di