Angola – Scheda Paese

Angola – Scheda Paese

L’economia angolana è stata duramente colpita dal drastico calo dei prezzi internazionali del petrolio, così come una riduzione temporanea della produzione di petrolio a causa di manutenzione non programmata dei giacimenti petroliferi, e la siccità prolungata. Tuttavia, politiche macroeconomiche sane hanno contribuito a garantire un tasso di crescita economica del 4,5% nel 2014, in calo dal 6,8% nel 2013. L’Angola soffrire dei prezzi del petrolio significativamente più bassi nel periodo 2015/16. I bassi prezzi del petrolio dovrebbero portare a tagli consistenti alla spesa pubblica e un conseguente rallentamento della crescita del PIL al 3,8% nel 2015. Ma la crescita dovrebbe essere in ripresa al 4,2% entro il 2016.

Crescita e sviluppo equo sono limitati dall’ambiente avverso per le imprese, la governance inadeguata e mancanza trasparenza nella gestione delle risorse pubbliche, la bassa qualità e la mancanza di manutenzione di infrastrutture fisiche, la limitata qualità di risorse umane, la debole crescita dell’agricoltura, l’inefficiente erogazione dei servizi pubblici ai poveri, e la difficoltà di gestione di rendite dalle fonti non rinnovabili per creare risparmi per le generazioni future. Le pressioni sociali sono in aumento a causa del tasso di disoccupazione (26%), in particolare tra i giovani; la significativa povertà, che colpisce il 36,6% della popolazione; le disuguaglianza di  reddito, con un coefficiente di Gini di 55,3. In questo contesto, le riforme strutturali sono indispensabili per accelerare la diversificazione dell’economia, ridurre la dipendenza dalle risorse naturali, aumentare la produttività, migliorare l’allocazione delle risorse e creare le condizioni per un tasso più veloce della crescita economica e uno sviluppo equo.

Grandi e persistenti disparità regionali sono state aggravate da più di 27 anni di guerra, che ha innescato una migrazione senza precedenti dalle aree rurali a quelle urbane. Il programma di investimenti pubblici ha contribuito a migliorare l’allocazione regionale delle risorse pubbliche, ma ulteriori sforzi sono necessari per migliorare la qualità e la disponibilità delle infrastrutture economiche e sociali. Consapevole dei conflitti spaziali che possono sorgere dall’isolamento economico delle regioni e delle popolazioni, in gran parte indotti dalla guerra, il governo ha approvato un mix di agevolazioni fiscali, ha accelerato la fornitura di infrastrutture fisiche in zone economiche speciali e lo sviluppo di poli industriali come parte della Programma industrializzazione nazionale, 2013-2017. L’accesso al credito per le piccole e medie imprese è stato facilitato e corridoi economici per ridurre le asimmetrie regionali sono in fase di sviluppo. Nel frattempo, il decentramento fiscale rimane limitato, con l’80% delle risorse pubbliche gestite a livello centrale. Il censimento della popolazione del maggio 2014 verra utilizzato nella progettazione di una politica nazionale sulla popolazione che aiuterà ad anticipare le conseguenze della crescita della popolazione e la conseguente pressione sulle risorse naturali.

Per quanto riguarda l’interscambio con l’Italia, l’Italia ha esportato nel 2014 merci per 400 milioni di Euro, mentre ha importato merci per 920 milioni. L’italia ha esportato prevalentemente:

281 – Macchine di impiego generale
289 – Altre macchine per impieghi speciali
282 – Altre macchine di impiego generale
101 – Carne lavorata e conservata e prodotti a base di carne
241 – Prodotti della siderurgia
271 – Motori, generatori e trasformatori elettrici; apparecchiature per la distribuzione
222 – Articoli in materie plastiche
103 – Frutta e ortaggi lavorati e conservati
259 – Altri prodotti in metallo
284 – Macchine per la formatura dei metalli e altre macchine utensil

Link utili

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 540 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Guinea

Guinea – Scheda Paese

La crescita del prodotto interno lordo della Guinea (PIL) si è ridotto dal 2,3% nel 2013 ad un misero 0,6% nel 2014 a causa delle conseguenze dell’epidemia di Ebola, ritardi

Africa Occidentale

La Nigeria e l’Angola chiedono aiuto alla Banca Mondiale

La Nigeria e l’Angola, i due più grandi produttori di petrolio dell’Africa, sono entrambi in trattative con la Banca mondiale per ricevere un supporto per fronteggiare i bassi prezzi del greggio, che hanno

Rwanda

Rwanda – Scheda Paese

La crescita del PIL reale è aumentata dal 4,7% nel 2013 al 7,0% nel 2014, superando la programmata crescita del 6,0% e si prevede che salirà al 7,5% sia nel