Iniziati i lavori della Centrale Idroelettrica di Isimba, Uganda

Iniziati i lavori della Centrale Idroelettrica di Isimba, Uganda

Alla fine di luglio, il presidente della repubblica di Uganda Yoweri Museveni ha presieduto l’inizio della costruzione della diga della centrale idroelettrica di Isimba. Alla cerimonia  era l’ambasciatore cinese in Uganda, Mr. Zhao, Il ministro dell’Energia, Irene Muloni,  Ministro di Stato per l’Energia, l’On Simone D’ujanga, il ministro di Stato per Terre, Idah Nantaba e il ministro delle Finanze On Matia Kasaijja.

La centrale produrrà 183 MW è parte di ciò che il presidente ha descritto come piano del governo per stimolare la crescita economica attraverso l’aumento della produzione di energia nel paese.

La diga, la cui prima turbina dovrebbe essere operativa nel dicembre 2016, è in grado di ridurre in modo significativo le tariffe elettriche, una volta messi in rete nazionale.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 538 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Repubblica Democratica Del Congo DRC

Indetto il bando di gara per i lavori di costruzione della diga Ruzizi III

La Repubblica democratica del Congo e il Ruanda stanno co-costruendo attraverso un partenariato pubblico-privato la diga Ruzizizi III (147 MW). L’impianto fornirà 30 milioni di persone in una regione in

Energia

Tanzania: il 90% delle infrastrutture elettriche è sovvenzionato dal governo

In Tanzania, il tasso di elettrificazione nazionale è aumentato dal 67,8% nel 2016 all’84,6% nel 2020. Uno sviluppo guidato principalmente dall’elettrificazione delle zone rurali e finanziato quasi interamente da fondi

Ghana

Uber cresce in Africa grazie alla domanda di mezzi di trasporto alternativi

Uber Technologies Inc. prevede di iniziare ad operare in tre nuovi paesi africani entro la fine del mese di giugno, estendendone la copertura due anni e mezzo dopo l’introduzione del suo