Iniziati i lavori della Centrale Idroelettrica di Isimba, Uganda

Iniziati i lavori della Centrale Idroelettrica di Isimba, Uganda

Alla fine di luglio, il presidente della repubblica di Uganda Yoweri Museveni ha presieduto l’inizio della costruzione della diga della centrale idroelettrica di Isimba. Alla cerimonia  era l’ambasciatore cinese in Uganda, Mr. Zhao, Il ministro dell’Energia, Irene Muloni,  Ministro di Stato per l’Energia, l’On Simone D’ujanga, il ministro di Stato per Terre, Idah Nantaba e il ministro delle Finanze On Matia Kasaijja.

La centrale produrrà 183 MW è parte di ciò che il presidente ha descritto come piano del governo per stimolare la crescita economica attraverso l’aumento della produzione di energia nel paese.

La diga, la cui prima turbina dovrebbe essere operativa nel dicembre 2016, è in grado di ridurre in modo significativo le tariffe elettriche, una volta messi in rete nazionale.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Kenya, tender per la sostituzione delle lampade a basso consumo

Kenya Power, con un avviso pubblicato il 27.11.15 ha invitato a presentare le offerte per sostituire le lampadine a incandescenza con quelle a basso consumo, le parti interessate hanno tempo fino al

Africa del Sud

Esportazioni di armi russe in Africa: la strategia a lungo termine di Mosca

La societa’ statale  russa Rosoboronexport ha annunciato in aprile il primo contratto per la fornitura di barche d’assalto a un paese dell’Africa subsahariana. L’identità del destinatario è ignota. Cosa si

Tanzania

Sviluppo del settore LNG in Tanzania, l’esperienza scozzese

Gordon McIntosh, un consulente internazionale del settore Oil & gas, ha esortato il governo della Tanzania ad astenersi dal fascino di dipendere dalle multinazionali per la costruzione di infrastrutture a supporto degli investimenti dei il gas