Iniziati i lavori della Centrale Idroelettrica di Isimba, Uganda

Iniziati i lavori della Centrale Idroelettrica di Isimba, Uganda

Alla fine di luglio, il presidente della repubblica di Uganda Yoweri Museveni ha presieduto l’inizio della costruzione della diga della centrale idroelettrica di Isimba. Alla cerimonia  era l’ambasciatore cinese in Uganda, Mr. Zhao, Il ministro dell’Energia, Irene Muloni,  Ministro di Stato per l’Energia, l’On Simone D’ujanga, il ministro di Stato per Terre, Idah Nantaba e il ministro delle Finanze On Matia Kasaijja.

La centrale produrrà 183 MW è parte di ciò che il presidente ha descritto come piano del governo per stimolare la crescita economica attraverso l’aumento della produzione di energia nel paese.

La diga, la cui prima turbina dovrebbe essere operativa nel dicembre 2016, è in grado di ridurre in modo significativo le tariffe elettriche, una volta messi in rete nazionale.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Tanzania: cosa significa l’oleodotto EACOP per il paese

Le autorità tanzaniane hanno un mese di tempo per concludere e firmare l’Accordo del Governo ospitante (HGA) con le imprese a monte coinvolte nell’East African Crude Oil Pipeline (EACOP). Il

Energia

Etiopia: Completata la fase di mobilitazione finanziaria della centrale eolica di Assela con il sostegno danese

In Etiopia, i fondi necessari per la realizzazione della centrale eolica di Assela vengono ora raccolti dalla Danimarca. L’infrastruttura di 100 MW di capacità costerà 146 milioni di euro e

Energia

Rinnovabili, L’integrazione fra Idroelettrico, Solare e Eolico in Africa

Le centrali idroelettriche possono supportare l’energia solare ed eolica, decisamente imprevedibile per natura, in modo ecocompatibile. Un nuovo studio della rivista scientifica Nature Sustainability ha ora mappato il potenziale di