Tanzania – Scheda Paese

Tanzania – Scheda Paese

L’economia della Tanzania ha continuato a funzionare bene, registrando una crescita del 7,3% nel 2013, rispetto al 6,9% nel 2012, guidato da dell’informazione e comunicazione, costruzioni, la produzione e altri servizi. Le prospettive a medio termine sono favorevoli, con una crescita che dovrebbe rimanere superiore al 7%, sostenuta da investimenti pubblici in infrastrutture, in particolare nei settori dei trasporti e dell’energia. L’agricoltura rimane il pilastro dell’economia, che impiega la maggior parte della forza lavoro, ma il settore è afflitto da carenze infrastrutturali e scarsa produttività. Nonostante i notevoli successi macroeconomici della Tanzania, la crescita non dispone di una base sufficientemente larga, e i livelli di povertà rimangono alti. Un recente sondaggio indica che il28,2% dei tanzaniani sono poveri, e la povertà rimane più diffusa nelle zone rurali che in quelle urbane.

L’inflazione si è stabilizzata ad una sola cifra nel corso dell’ultimo anno, in calo ad una media annua del 6,8% nel 2014 a causa di una prudente politica monetaria, una situazione alimentare favorevole e il calo dei prezzi del carburante. L’andamento delle esportazioni rimane forte, guidata da oro e turismo / viaggi. Ma il bilancio delle importazioni è cresciuta, soprattutto a causa delle importazioni di beni strumentali ed intermedi, in particolare del petrolio, mantenendo il disavanzo delle partite correnti a livello a circa il 11% del PIL. La posizione di riserve in valuta estera è rimasta in buona salute, con 4,1 mesi di copertura import.

La Tanzania ha continuato a mantenere una posizione di bilancio sana, mantenendo il deficit a livelli sostenibili e gestire la crescita della spesa in linea con l’obiettivo generale di sostenere la stabilità macroeconomica. A medio termine, il deficit fiscale è destinato a essere mantenuto a circa 5-6% del PIL, mentre le spese e indebitamento netto governo sono previsti a circa il 25% del PIL, in linea con gli obiettivi del programma di politica dello strumento di supporto. Incertezze di finanziamento sono emerse nella prima metà dell’anno fiscale 2014/15 a causa di ritardi di pagamento di fondi dai finanziatori internazionali, costringendo in parte il governo ad anticipare l’indebitamento del governo per  finanziare progetti di sviluppo.

Inclusione spaziale resta problematica in Tanzania, principalmente a causa delle disparità regionali. Le regioni più povere sono prevalentemente rurali e le loro economie sono molto meno diversificati. L’agricoltura è il principale settore economico in queste aree, con bassa produttività e occupazione a bassa retribuzione. Di conseguenza, il reddito pro capite in queste regioni é meno della metà di quello di Dar-es-Salaam, la zona più ricca, e nelle zone rurali il tasso di povertà è otto volte superiore rispetto a Dar-es-Salaam. Per aumentare l’integrazione spaziale, la Tanzania ha bisogno di aumentare le opportunità di guadagno per la popolazione rurale, principalmente attraverso il miglioramento della produttività in agricoltura supportata da investimenti in infrastrutture rurali, strade particolarmente rurali, e una migliore connettività globale tra aree rurali e urbane.

Per quanto riguarda l’interscambio con l’Italia, l’Italia ha esportato nel 2014 merci per 65 milioni di Euro, mentre ha importato merci per 16 milioni. L’italia ha esportato prevalentemente Motori, generatori e trasformatori elettrici, Macchine di impiego generale, Frutta e ortaggi lavorati e conservati, Altri prodotti in metallo, Prodotti da forno e farinacei, Articoli di carta e di cartone, Materiali da costruzione in terracotta

 

Link utili

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 542 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Africa, le economia che cresceranno di più nel 2016

Con un tasso di crescita previsto all’8,5 per cento per il 2016, la Costa d’Avorio sarà l’economia Africana con la più rapida crescita, secondo l’ultimo World Economic Outlook pubblicato dal  Fondo

Energia

Sviluppo del settore LNG in Tanzania, l’esperienza scozzese

Gordon McIntosh, un consulente internazionale del settore Oil & gas, ha esortato il governo della Tanzania ad astenersi dal fascino di dipendere dalle multinazionali per la costruzione di infrastrutture a supporto degli investimenti dei il gas

Scheda Paese

Uganda – Scheda Paese

Nel 2014 l’Uganda ha visto il consolidamento della stabilità macroeconomica e una graduale ripresa dell’attività economica, con una crescita del PIL reale che dovrebbe raggiungere il 5,9% nell’esercizio 2014/15 contro