Il mercato della Pay-TV in Africa

Il mercato della Pay-TV in Africa

 

DStv e’ stata per anni il leader incontrastato della pay-TV in Africa, ma adesso la sua leadership e’ messa in discussione da una nuova e più conveniente opzione, proveniente dalla StarTimes, società cinese.
Nella più grande economia dell’Africa, la Nigeria, StarTimes, ha spodestato MultiChoice, e con la migrazione al digitale terrestre, migrazione in corso in tutto il continente africano, il mercato è destinato a crescere ancora di piu’.

In Africa, mentre il mercato della televisione a pagamento è in crescita, quasi l’80% delle persone sono ancora affidamento su canali free-to-air. In Africa orientale l aTanzania e’ il paese con il  il più alto numero di abbonati, che vanta un tasso di penetrazione del 36% con 1,6 milioni di abbonati.

StarTimes ha una quota di mercato del 39% in Africa orientale, riuscendo a contrastare quello che una volta era il leader del mercato, MultiChoiche DSTV, che ora ha una quota  del 38%. Il resto del mercato e’ occupato da aziende come AzamTV, di proprietà di una dei più’ ricchi dell’Africa orientale, Bakhresa, e Zuku TV, un altro marchio dell’Africa orientale.

Parte della spiegazione per la crescente popolarità di StarTimes è stata la sua decisione di aggredire il mercato di massa, cosa che DStv aveva ignorato, concentrandosi invece sui clienti di fascia alta.

In Tanzania, per esempio, il pacchetto più economico da MultiChoice è disponibile per circa $ 9 dollari al mese per 44 canali. StarTimes offre una bouquet di 40 canali, che comprende Aljazeera in inglese e MSNBC, per metà di tale importo.

Questa crescente pubblico televisivo e la elevata penetrazione della paytv, tuttavia, ha avuto un impatto limitato sulla programmazione originale di produzione locale, secondo gli analisti del settore, le stazioni televisive dovrebbero finanziare i produttori a creare contenuti locali, ma questo ciclo non e’ ancora stato attivato, e così i produttori indipendenti sono alla ricerca di finanziamenti da altre fonti “. Queste fonti includono i programmi finanziati dai donatori come il popolare dramma della Tanzania” Siri ya Mtungi “, che ha ricevuto il suo finanziamento da The Bloomberg School of Public Health della Johns Hopkins.

Quindi, per il mercato della televisione in Africa orientale, il prossimo potenziale di crescita risiede nella creazione di contenuti. Nollywood in Nigeria ha dimostrato che esiste un ampio pubblico per le produzioni locali.

Sorgente: A Chinese media company is taking over East Africa’s booming pay-TV market – Quartz

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Nigeria

L’economista nigeriana e’ pronta a diventare il primo capo donna del WTO

Gli Stati Uniti hanno dato il loro sostegno a Ngozi Okonjo-Iweala per la posizione più alta all’Organizzazione Mondiale del Commercio, mettendo fine a un mese di stallo. La mossa rappresenta

Nigeria

Dangote Industries sfrutta l’accordo AfCFTA per espandersi nel continente

Dangote Industries sfrutta l’Africa Continental Free Trade Area, per fare leva sull’espansione e sulle nuove rotte commerciali. Con molti paesi che fanno strategie per l’area continentale africana di libero scambio

Economia

Kenya: diventare l’hub di importazione di GPL in East Africa

Il Kenya è posizionato per diventare l’hub di importazione di gas di petrolio liquefatto dell’Africa orientale Sempre più stati africani stanno sensibilizzando le loro popolazioni ad abbandonare l’uso del carbone